La crisi climatica preoccupa gli italiani. Il 20° rapporto di UniVerde

Il 92% degli italiani è preoccupato dal cambiamento climatico e l’82% reputa necessario accelerare la transizione EcoDigital. Questo quanto emerge dal 20° RapportoGli italiani, le rinnovabili e la Green&Blue economy” al convegno di celebrazione del “Mediterranean Day”. Evento promosso da fondazione UniVerde, Noto Sondaggi e Renexia come main partner.

20 rapporto fondazione univerde

Necessario accelerare la transizione EcoDigital

L’82% degli italiani reputa necessario accelerare la transizione EcoDigital, anche con misure drastiche, per raggiungere gli obiettivi ambientali e climatici che le Nazioni Unite e l’UE chiedono ai rispettivi stati membri. Il 71% inoltre, ritiene assolutamente prioritario contenere l’aumento delle temperature entro i 2 gradi.

Come soluzione gli italiani vedono un maggiore utilizzo di grandi impianti solari, possibilmente da dislocare sulla copertura di grandi edifici come centri commerciali e stazioni ferroviarie (44%), oppure a terra. Anche qui facendo attenzione all’ambiente e scegliendo solo aree agricole senza valore naturalistico secondo il 22% degli intervistati.

L’84%, infine, ritiene importante promuovere l’eolico in mare e il 58% lo giudica positivo. A patto che si rispetti la fauna marina, che si salvaguardino le rotte degli uccelli migratori e si sostenga l’economia locale.

Alfonso Pecoraro Scanio, presidente della fondazione UniVerde aggiunge come si tratti di “Un’emergenza drammaticamente collegata al disastro di Ischia, come anche all’alluvione nelle Marche e al fiume di acqua e fango a Formia”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.