ENEA entra nell’SMR, l’Alleanza industriale europea sui piccoli reattori modulari SMR 

Entra anche in SNETP dedicato alle tecnologie per il nucleare sostenibile

ENEA entra a far parte dell’Alleanza industriale europea sui piccoli reattori modulari SMR. Inoltre l’ente di ricerca italiano fa il suo ingresso anche al vertice del network europeo SNETP dedicato alle tecnologie per il nucleare sostenibile.

L’obiettivo dell’Alleanza SMR è favorire e coordinare la cooperazione dell’industria europea nella realizzazione di piccoli reattori modulari per contribuire a decarbonizzare il sistema energetico europeo e raggiungere l’obiettivo della neutralità climatica entro il 2050, in linea con la strategia Repower-EU.

leggi anche: Un nuovo modello di business per la fusione nucleare

“Come emerge da diversi documenti di indirizzo della UE, gli SMR possono contribuire a ridurre del 90% le emissioni di carbonio entro il 2040 e, allo stesso tempo, aumentare l’autonomia strategica e la resilienza dell’UE”, ha sottolineato Alessandro Dodaro, Direttore del Dipartimento Nucleare dell’ENEA. “In questo contesto è importante garantire il rispetto dei più elevati standard ambientali, di sicurezza e dei diritti sociali e del lavoro, promuovere occupazione e competitività, coinvolgere tutti gli stakeholders, fino alla società civile, e l’Alleanza va in questa direzione, in stretta collaborazione con Euratom, JRC e con organismi di rilievo internazionale quali IAEA e ENEA”.

11 Nucleare

La piattaforma SNETP

Nella stessa direzione opera anche la Piattaforma SNETP, alla quale ENEA partecipa insieme ad oltre 120 membri di 26 diversi paesi per implementare nuove strategie di ricerca e sviluppo e realizzare soluzioni innovative e sostenibili per l’utilizzo del nucleare.

“La nostra presenza nel Governing Board di SNETP e nella SMR Alliance permette all’Italia di stabilire un filo diretto tra la Piattaforma Nazionale per il Nucleare Sostenibile (PNNS) del Ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica e la partecipazione italiana a progetti e iniziative europee”, dichiara Mariano Tarantino, responsabile della Divisione ENEA di Sistemi Nucleari per l’Energia. “Quello del nucleare – conclude – è un settore che ci vede leader nello sviluppo tecnologico, analisi di sicurezza e validazione sperimentale di sistemi e componenti di SMR refrigerati ad acqua, ma anche nella filiera europea sui reattori veloci refrigerati a piombo, grazie alle infrastrutture sperimentali del Centro ENEA di Brasimone e le capacità progettuali presenti nel Centro ENEA di Bologna, riferimenti europei e internazionali per questa tecnologia”.

leggi anche: Nucleare nel Pniec, Salvemini: “per fine giugno i risultati della piattaforma di studio”

Print Friendly, PDF & Email

Per ricevere quotidianamente i nostri aggiornamenti su energia e transizione ecologica, basta iscriversi alla nostra newsletter gratuita

Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.