Zero netto globale di emissioni entro 2050, l’New Energy Outlook 2022 di BloombergNEF

Sono due gli scenari possibili: quello della transizione economica o quello Net Zero allineato a Parigi

Secondo il New Energy Outlook 2022 di BloombergNEF, esistono ancora percorsi plausibili per rimanere ben al di sotto dei due gradi Celsius di riscaldamento globale. Governi e aziende dovranno passare a tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio. Il rapporto arriva dopo la Cop27.

Cop27I due scenari possibili individuati da BloombergNEF

Il Rapporto di BloombergNEF (BNEF) valuta come il sistema energetico mondiale, e quello di nove paesi che costituiscono il 63% delle emissioni globali, potrebbero evolversi da qui al 2050. Le ipotesi sono due: il cosiddetto scenario di transizione economica e lo scenario Net Zero allineato a Parigi.

Scenario di transizione economica

La crisi energetica globale ha reso l’energia rinnovabile ancora più competitiva rispetto alla generazione da combustibili fossili. Giacché i prezzi di tali combustibili sono aumentati e molti paesi e regioni stanno perseguendo una transizione più rapida verso l’energia pulita. Promuovendo così anche una maggiore sicurezza energetica.

Matthias Kimmel, team leader per l’economia energetica presso BNEF, spiega: “La transizione energetica nel settore energetico è ben avviata e il nostro modello mostra che le emissioni globali nel settore energetico raggiungeranno il picco intorno al 2023”.

Lo scenario di transizione economica, presuppone nessuna nuova azione politica per accelerare la transizione verso l’energia pulita, la rapida crescita delle energie rinnovabili e l’elettrificazione dei trasporti.

Le tecnologie vincono per merito proprio, senza bisogno di sovvenzioni aggiuntive, grazie alle drastiche riduzioni dei costi della tecnologia eolica, solare e delle batterie nell’ultimo decennio.

L’energia eolica e solare forniranno circa i due terzi della produzione mondiale di energia entro il 2050. Queste due fonti, combinate con lo stoccaggio delle batterie, rappresentano uno strabiliante 85% dei 23 terawatt di nuove capacità di potenza aggiuntive installate nei prossimi tre decenni.

Le emissioni del settore energetico diminuiscono del 57% e le emissioni nel settore dei trasporti in generale diminuiscono del 22% entro il 2050. Aiutate dalla transizione del segmento stradale ai veicoli elettrici. Il consumo globale di carbone, petrolio e gas raggiunge tutti i picchi nel prossimo decennio.

Nonostante questi rapidi miglioramenti, lo scenario di transizione economica è ben lungi dal raggiungere lo zero netto entro la metà del secolo.

Entro il 2050, infatti, le emissioni sono diminuite del 29%, ma il carbone, il petrolio e il gas emettono ancora 24,6 gigatonnellate di CO2 all’anno.

Il risultato è una traiettoria coerente con un aumento di 2,6°C di riscaldamento globale, violando gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Scenario zero netto

Nello scenario Net Zero (Nzs) la modellazione BloombergNEF indica che il mondo può rimanere sulla buona strada per 1,77°C e zero netto globale entro il 2050. Mediante un subitaneo utilizzo di energia pulita, elettrificazione e, in misura minore, cattura del carbonio, stoccaggio e idrogeno.

David Hostert, responsabile globale dell’economia e dei modelli presso BNEF e autore principale del rapporto, conferma: “Il nostro scenario Net Zero mostra che esiste ancora un percorso credibile per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi. Ma per raggiungerlo è necessaria un’azione immediata. La distribuzione di energia pulita deve quadruplicare entro il 2030, oltre a un importante investimento nella cattura e stoccaggio del carbonio, tecnologie nucleari avanzate e idrogeno”.

Il passaggio della produzione di energia dai combustibili fossili all’energia pulita è il singolo contributo maggiore alla riduzione delle emissioni globali. Rappresenterà la metà di tutte le emissioni abbattute nel periodo 2022-50.

Ciò include la sostituzione continua dei combustibili fossili con l’eolico, il solare, altre fonti rinnovabili e il nucleare, tecnologie in gran parte mature che esistono oggi su larga scala.

Entro il 2050, il sistema energetico globale sarà dominato dall’eolico, il 48% della generazione e solare, per il 26%. Altre fonti rinnovabili il 7%, nucleare 9%, il resto idrogeno e carbone o gas con cattura del carbonio.

Trasporti e industria devono adeguarsi

L’elettrificazione dei trasporti e dei processi industriali, degli edifici e del calore, devono sfruttare elettricità a emissioni di carbonio sempre più basse. Fornendo così il secondo contributo maggiore alla riduzione delle emissioni, con una diminuzione di circa un quarto delle emissioni totali nel periodo.

Anche in questo caso le tecnologie esistono già. Nel caso del riscaldamento degli edifici e dell’industria, però, l’elettrificazione non procede ancora a ritmo sostenuto.

I paesi viaggiano a velocità diverse

Nello scenario Net Zero, i paesi prendono strade diverse verso lo zero netto. Quelli sviluppati, Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania, Giappone e Australia, riducono rapidamente le emissioni in questo decennio. Mentre le economie in via di sviluppo, specialmente India, Indonesia e resto del mondo vedono aumentare le emissioni per molti altri anni. Per poi declinare rapidamente negli anni successivi.

La Cina avrà un percorso proprio, con elementi di percorsi sia dei paesi sviluppati che in via di sviluppo.

Azioni chiave per accelerare la transizione secondo BloombergNEF

Il rapporto include prescrizioni per sei aree di azione chiave per i responsabili politici e gli attori del settore privato. Sviluppando un quadro sviluppato da Bloomberg e BNEF per l’iniziativa NetZero Pathfinders. Questi sono:

  • Accelera l’implementazione di soluzioni climatiche mature.
  • Sostenere lo sviluppo di nuove soluzioni climatiche.
  • Gestire la transizione o l’eliminazione graduale delle attività ad alta intensità di carbonio.
  • Creare adeguate strutture di gestione della transizione climatica.
  • Sostenere la transizione nei mercati emergenti e nelle economie in via di sviluppo.
  • Aumentare la fornitura di materiali critici.
Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.