L’Abbate: “Stop a concorrenza sleale e greenwashing”

“La mancanza di controlli e tracciabilità crea danni alle imprese italiane”

La filiera della gestione dei rifiuti plastici è spesso al centro di dibattici politici, soprattutto adesso, appena dopo il voto per il Parlamento europeo, dove si è tornati a parlare delle nuove regole che verranno dettate nell’ambito del Green Deal.

Assorimap, l’associazione riciclatori di materie plastiche, ha provato a fare chiarezza su tale argomento attraverso una tavola rotonda. In questa occasione è stato presentato anche il report sul riciclo meccanico delle materie plastiche 2023.

Nel corso dell’incontro è intervenuta anche la vicepresidente della commissione Ambiente alla Camera Patty L’Abbate: “La mancanza di controlli e di sistemi di tracciabilità sui materiali importati presunti riciclati, crea una concorrenza sleale che comporta un grande danno al settore italiano del riciclo della plastica”.

Plastic Bottles 115069 1280

Per questo appoggio la proposta del settore di procedere a ‘certificati di riciclo’ per contrastare il fenomeno del greenwashing e decarbonizzare con una seria economia circolare – ha continuato L’Abbate – Provvederemo a far giungere al Ministero dell’ambiente la richiesta delle imprese, per gestire al meglio i rifiuti in plastica. Una tonnellata di plastica riciclata evita l’impatto ambientale negativo di circa 3 tonnellate di CO2. Ecco perché è fondamentale agire e farlo in fretta”.

Leggi anche: La “plastisfera” dei fiumi
che minaccia l’ecosistema

Print Friendly, PDF & Email

Per ricevere quotidianamente i nostri aggiornamenti su energia e transizione ecologica, basta iscriversi alla nostra newsletter gratuita

Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.