Bioplastiche e biofertilizzanti dal recupero dei fanghi di depurazione

L'obiettivo del progetto Circular biocarbon che coinvolge Gruppo CAP

609

sostenibilità biofertilizzantiMaterie prime seconde da fanghi di depurazione e da frazione umida dei rifiuti per produrre bioplastiche e biofertilizzanti. E’ questo l’obiettivo del progetto internazionale Circular biocarbon a cui hanno aderito la bio piattaforma di Sesto San Giovanni  di Gruppo CAP, gestore del servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano e un impianto simile a Saragozza in Spagna.

Si tratta di un finanziamento totale di ben 23milioni di euro, finanziati dal consorzio pubblico-privato BBI-JU, composto dall’Unione Europea e da aziende e istituti di ricerca di vari Paesi europei finalizzato all’applicazione di tecnologie e processi per il recupero di materie prime seconde.

Il processo per recuperare le materie prime seconde dalla biopiattaforma

Il progetto prevede u primo ano di studi a seguito del quale entrerà in funzione idealmente entro il 2024 la produzione di un biopolimero, il polidrossialcanonato o PHA, da impiegare per la produzione di bioplastiche prive di petrolio e biodegradabili, sia di un minerale, la struvite, fondamentale per la produzione di biofertilizzanti.

Il PHA verrà poi conferito a Novamont, nell’ambito di una partnership pluriennale iniziata nel 2018. La struvite sarà indirizzata all’azienda francese Agro Innovation International per la produzione di fertilizzanti con proprietà biostimolanti.

L’iniziativa è partita un anno fa e ha visto validare la tecnologia già esistente per il trattamento dei fanghi di depurazione e della FORSU (la frazione umida dei rifiuti).

“Queste tecnologie e questi processi si sposano perfettamente con l’idea che ha portato Gruppo CAP a realizzare la BioPiattaforma, primo esempio di sinergia industriale a emissioni zero“, spiega Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP in una nota. “L’innovativo impianto integra infatti termovalorizzatore e depuratore, e consente in questo modo di trattare fanghi da depurazione e FORSU da cui estrarre preziose materie prime seconde che, grazie alle sinergie industriali che abbiamo costruito nel corso degli anni, possono trovare impiego immediato, chiudendo il cerchio dell’intero processo circolare”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.