IRENA, al via la ventisettesima riunione del Consiglio

La due giorni di Abu Dhabi coinvolgerà i membri dell’Agenzia in un dibattito incentrato sugli investimenti nelle energie rinnovabili

È cominciata oggi, 13 giugno, nella città di Abu Dhabi la ventisettesima riunione del Consiglio dell’Agenzia internazionale per le energie rinnovabili (IRENA). Il dibattitto, che si protrarrà fino a domani, coinvolgerà i rappresentanti di 105 Paesi che si confronteranno sui principali temi legati alla transizione energetica.

Gli investimenti nella transizione energetica

In particolare, i membri dell’IRENA discuteranno delle strategie necessarie a rendere gli investimenti nelle energie rinnovabili meno rischiosi e più scalabili, così da accelerare il percorso di decarbonizzazione e facilitare il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Indagheranno le possibili collaborazioni con il settore privato e le utilities e condivideranno le buone pratiche legate allo sviluppo degli impianti a fonti rinnovabili. Il Consiglio, quest’anno presieduto dal governo dello Zimbabwe, promuoverà la cooperazione fra i membri dell’Agenzia che saranno chiamati a esaminarne il bilancio e affrontare altre questioni amministrative.

Gli obiettivi stabiliti alla COP28

“Nonostante nel 2023 il mondo abbia installato più capacità di energia rinnovabile rispetto a qualsiasi anno precedente, le aggiunte hanno rappresentato ancora solo la metà di quanto necessario per limitare l’aumento delle temperature a 1,5 gradi Celsius”, ha dichiarato il direttore generale dell’IRENA, Francesco La Camera.

Leggi anche: Energia pulita, si investe il doppio che nei fossili

“Per raggiungere l’obiettivo globale di triplicare la capacità rinnovabile entro il 2030, è cruciale un aumento significativo dell’impegno e dell’azione da parte sia del settore pubblico sia di quello privato. L’IRENA svolgerà un ruolo fondamentale nel garantire trasparenza e responsabilità, monitorando i progressi e facilitando la concretizzazione dei target energetici stabiliti alla COP28”, ha concluso La Camera. L’Agenzia, su richiesta del presidente della COP28, realizzerà un’apposita serie di report annuali volti a monitorare gli avanzamenti lungo il percorso.

Il ruolo dell’IRENA

“La missione dell’IRENA è fondamentale a molti livelli. Una transizione energetica basata sulle energie rinnovabili non è solo la soluzione climatica più efficace di cui disponiamo, ma è anche la chiave per affrontare le sfide legate all’accesso all’energia cui molti Paesi si trovano attualmente di fronte”, ha commentato la dottoressa Gloria Magombo, segretaria permanente presso il Ministero dell’Energia e dello Sviluppo energetico dello Zimbabwe.

Leggi anche: L’appello di Guterres contro i combustibili fossili

“In qualità di presidente del Consiglio, mi impegno a garantire che l’eccezionale lavoro svolto dall’IRENA in termini di advocacy, supporto e monitoraggio dei progressi sia completamente sostenuto dai suoi membri”, ha concluso Magombo.

Print Friendly, PDF & Email

Per ricevere quotidianamente i nostri aggiornamenti su energia e transizione ecologica, basta iscriversi alla nostra newsletter gratuita

Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.