domiciliazione delle bolletteQuando si parla di bollette la prima reazione di chiunque è quella di mettersi le mani nei capelli e cambiare subito discorso. A meno che non si parli di risparmio sulle bollette, a quel punto siamo tutti molto più interessati alla conversazione. Per risparmiare, prima di tutto, possiamo seguire le guide dei comparatori online, come SuperMoney, che permettono di avere un’idea precisa di come funziona la domiciliazione delle bollette e di come attivarla. Ma il servizio di domiciliazione in sè conviene o no?

Prima di tutto: che cos’è la domiciliazione delle bollette?

La domiciliazione delle bollette è uno strumento che permette di automatizzare i pagamenti autorizzando l’operatore a prelevare automaticamente gli importi dovuti dal conto corrente del proprio cliente ad ogni scadenza. Questo servizio si basa sulla procedura definita tecnicamente RID bancario (o postale) che, ricordiamo, si attiva solo dopo la richiesta esplicita del cliente che deve autorizzare gli addebiti verso il gestore. Dal 2014 la procedura del RID rientra nel progetto SEPA, ovvero la standardizzazione delle regole bancarie per tutti i paesi dell’area Euro.

La richiesta di attivazione della domiciliazione bancaria è una procedura semplice e diretta. Basta compilare i moduli che i gestori forniscono alla firma di un nuovo contratto o, in caso di contratto già in essere, presentarsi in banca con una bolletta di riferimento e compilare l’apposito. Molti gestori permettono di attivare il servizio direttamente online, soprattutto se l’intestatario è lo stesso del conto corrente, oppure telefonando all’assistenza clienti del gestore stesso.

Dopo aver attivato la domiciliazione bancaria continuerete comunque a ricevere a casa (oppure via mail nel caso in cui abbiate attivato il servizio di bolletta online) le bollette le quali, però, riporteranno in calce la scritta “domiciliata in banca”.  Per controllare che non ci siano anomalie di sorta vi conviene dare un’occhiata periodicamente all’estratto conto che vi manda la banca o che potete chiedere voi direttamente.

La domiciliazione delle bollette conviene?

I vantaggi della domiciliazione delle bollette sono molteplici e non potranno che convicervi a richiedere il servizio. Andiamo a vedere quali sono questi vantaggi:

  • La scelta del  RID bancario è prima di tutto conveniente, perchè in posta e nelle maggiori banche l’operazione di addebito diretto delle utenze sul conto corrente è gratuita e quindi non comporta costi aggiuntivi. Non solo, la domiciliazione è un passo obbligatorio per richiedere la bolletta online che permette di non pagare più le spese di spedizione delle fatture e di risparmiare anche su questo. Infine, attivando l’addebito diretto i gestori non chiedono un deposito cauzionale e, nel caso fosse stato già versato, sono tenuti per legge a restituirlo per intero;
  • La domiciliazione delle bollette è sicuramente un servizio comodo: non dovrai più preoccuparti delle scadenze ed eviterai code agli sportelli. Infatti, la tua banca (o posta) provvederà ad addebitare il pagamento sul conto corrente il giorno esatto della scadenza e diventa lei la responsabile di eventuali ritardi nei pagamenti (a meno che non ci sia un motivo di insolvenza);
  • Il  RID bancario è anche un servizio sicuro: molti operatori infatti ti permettono di ricevere le tue bollette in anticipo rispetto all’addebito, per aver la possibilità di verificarne l’importo e richiedere eventualmente la sospensione o il rimborso del pagamento.

Restano in sospeso i dubbi delle associazioni dei consumatori rispetto la gestione di anomalie leggi l’articolo su e7

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.