Smart meter idrico, a Cinisello Balsamo (MI) la telelettura coi droni

Partita la sperimentazione del Gruppo CAP. Coinvolgerà 4 comuni dell'hinterland milanese. Il target è di 100 mila letture

2116

DroniCAPA Cinisello Balsamo (MI) parte la sperimentazione di Gruppo CAP per la lettura degli smart meter idrici con droni ultraleggeri. I quadricotteri, che voleranno in coppia ad un’altezza di 120 metri, saranno dotati di speciali sensori e, in meno di 10 minuti, raccoglieranno i segnali emessi dai contatori intelligenti contenenti le informazioni relativi a consumi d’acqua, a perdite o eventuali problemi di misura. In tempo reale i dati saranno associati al codice utente per favorire una fatturazione veloce e trasparente.

Nell’arco dei prossimi 10 mesi il progetto sarà esteso ad altri 3 comuni dell’hinterland milanese. L’obiettivo è raggiungere la telelettura e la telegestione di 100 mila contatori entro il 2019.

L’iniziativa, promossa in collaborazione con Archon Technologies, Smart Metering e Watertech, si inserisce nel percorso che Gruppo CAP “ha intrapreso nel 2017 attraverso un piano di sostituzione dei vecchi contatori con i dispositivi intelligenti di ultima generazione con un investimento di 18 milioni di euro, e che ogni anno prevede l’installazione di 50mila nuovi dispositivi”, ha commentato in nota stampa il Presidente e AD del Gruppo Alessandro Russo. Il Gruppo ha installato nel 2017 20 mila nuovi contatori, con un target di 50 mila entro il 2018 e di 100 mila entro il 2019. Un lavoro improntato all’innovazione tecnologica che garantirà una “riduzione dell’inquinamento” e una “maggiore efficienza delle operazioni”, ha proseguito Russo in nota, oltre che “una maggiore trasparenza e un risparmio economico per i nostri utenti”.

In questo modo, in meno di un’ora sarà possibile rilevare i dati di 3.000 contatori “mentre prima era necessario qualche giorno”, ha spiegato Michele Tessera, Direttore Information Technology di Gruppo CAP. “Ma non è finita: abbiamo già richiesto a Enac (Ente Nazionale per L’Aviazione Civile) l’autorizzazione per poter comandare i droni da remoto. In questo modo gli apparecchi verranno manovrati direttamente dalla nostra centrale operativa e guidati da operatori che staranno fisicamente a km di distanza”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.