Si chiama biobutanolo ed è un nuovo biocarburante ottenuto dalla paglia di frumento. Alla sua produzione sta lavorando un team di ricercatori del Centro nazionale per le energie rinnovabili (CENER) nel Nord della Spagna. L’idea è quella di offrire un’alternativa meno inquinante e costosa rispetto a etanolo o biodiesel.

Rispetto ai biocarburanti esistenti, il butanolo è un alcol molto più pesante, il che significa che è meno volatile. E questo riduce le emissioni di gas e implica una minore volatilità nelle stazioni di servizio o nelle fabbriche “, ha spiegato Ines del Campo, un chimico del CENER, in un’intervista al sito Euronews.

Il procedimento

L’innovativo biocarburante è stato ottenuto macinando la paglia di grano in piccole particelle ad una temperatura di circa 175° C per cinque minuti. In questo modo è stato realizzato un sostrato facilmente aggredibile da una serie di enzimi specifici. Queste sostanze hanno reagito chimicamente creando delle molecole denominate monomeri. A questo punto sono stati introdotti dei batteri che si nutrono di queste molecole,  generando il biobutanoloI batteri ideali sono stati allevati nel Regno Unito nei laboratori di Green Biologics.

Si può miscelare con diesel e benzina

In base ai test effettuati dagli scienziati è emerso come il butanolo possa essere miscelato fino al 40% con il diesel e fino al 16% con la benzina. Al momento l’obiettivo principale è cercare di abbassare i costi di produzione per passare alla fase di commercializzazione.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.