Si apre il dibattito sulla chiusura delle centrali nucleari nell’Illinois

Le centrali Dresda, Byron, Braidwood e LaSalle hanno circa 41 anni, o 15.000 giorni consecutivi di servizio ininterrotto

174

ByronExelon generation l’anno scorso ha dichiarato che chiuderà la centrale di Byron nella contea di Ogle a settembre e la stazione di generazione di Dresda nella contea di Grundy a novembre. Anche le centrali nucleari di Braidwood e LaSalle sono ad alto rischio di pensionamento anticipato a breve termine. Le quattro centrali nucleari che servono Chicago e la porzione settentrionale dell’Illinois: Dresda, Byron, Braidwood e LaSalle hanno circa 41 anni, o 15.000 giorni consecutivi di servizio ininterrotto. Esse producono oltre i due terzi dell’energia priva di carbonio dello stato. Garantiscono energia pulita e funzionano  24 ore su 24, 365 giorni all’anno. A queste vanno aggiunte le centrali di Clinton e Quad Cities sempre di Exelon generation.

Azione su cui i responsabili politici continuano a confrontarsi senza trovare una chiave di risoluzione. Ci troviamo di fronte al solito empasse tra energia nucleare, tempi di deperimento e sicurezza impianti con la necessità di mantenere bassi i costi in bolletta.

I timori sugli effetti delle dismissioni di Byron

Rinunciare a Byron e Dresda si tradurrebbe in un aumento cumulativo delle emissioni di anidride carbonica di oltre 100 milioni di tonnellate nel prossimo decennio se gli impianti fossero sostituito da fonti fossili. Questo valore è superiore al totale di emissioni di anidride carbonica altrimenti previsto per il nord dell’Illinois nel periodo.

L’Illinois funziona meglio quando i suoi residenti hanno un lavoro e le loro sedi di lavoro hanno l’elettricità a prezzi accessibili di cui hanno bisogno per lavorare ogni giorno“, conclude Sarah Downs, direttore esecutivo della Camera di commercio dell’area di Byron. “Queste centrali nucleari forniscono tutto ciò che i residenti hanno chiesto: posti di lavoro, produzione di energia affidabile ed ecologica e una solida base imponibile per le comunità locali. Altri stati vorrebbero avere così tanto carico di base, energia senza emissioni di carbonio per alimentare le loro attività e le loro case”. I quattro stabilimenti nell’area di Chicago supportano 28.000 posti di lavoro diretti e indiretti e contribuiscono con 3,5 miliardi di dollari all’anno all’economia dell’Illinois.

La storia e l’attività

Byron ha raggiunto i 5.000 giorni consecutivi di attività la scorsa settimana, mentre Dresda ha raggiunto i 4.260 giorni consecutivi nello stesso periodo. A loro volta Braidwood station per 3.975 giorni consecutivi e LaSalle station 1.603 giorni. Così ponendo gli stabilimenti dell’Illinois in testa alla classifica per il funzionamento continuo.

I lavoratori dei nostri impianti sono i migliori del settore e gestiscono le nostre unità nucleari a livelli di sicurezza e affidabilità di livello mondiale, assicurandoci di rimanere online quando le nostre comunità hanno più bisogno della nostra elettricità“, ha dichiarato Dave Rhoades, direttore nucleare di Exelon generation. “Alimentare l’Illinois con energia pulita 24 ore al giorno, sette giorni alla settimana è un segno distintivo della nostra flotta nucleare a zero emissioni di carbonio“.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.