CO2ok 1024x1024Secondo l’European geothermal energy council (Egec) è “fondamentale” che la Commissione europea riconosca la necessità di ricorrere al carbon pricing nel settore del riscaldamento/raffrescamento per riuscire a essere carbon neutral nel 2050.

Egec: “Il riscaldamento rappresenta la metà del consumo energetico dell’UE

Il settore del riscaldamento rappresenta “la metà del consumo energetico dell’UE”, spiega in nota European geothermal energy council. “Inoltre l’80% di questo mercato è dominato dai combustibili fossili. Che beneficiano di sussidi diretti e indiretti che escludono l’energia geotermica e altre tecnologie di energia rinnovabile. Un prezzo del carbonio uniforme in tutta Europa può far fronte, a esempio, a questa ingiusta distorsione del mercato interno”.

“Estensione del sistema Ets al riscaldamento è un passo importante”

“L’estensione del sistema di scambio di quote di emissione dell’Ue al riscaldamento è un passo importante”. Servirebbe ad “accelerare la transizione energetica negli edifici e garantire la neutralità del carbonio entro il 2050”, sottolinea in nota Sanjeev Kumar, head of policy, di Egec geothermal.Un prezzo robusto del carbonio sufficiente per guidare il cambiamento trasformativo è inoltre la chiave per la corsa contro il tempo per affrontare l’emergenza climatica”.

Includere riscaldamento nel sistema Ets per promuovere le Fer

In conclusione, l’inclusione dei fornitori di riscaldamento e raffreddamento fossili nel sistema EU Ets è una caratteristica importante di un pacchetto completo di riforme climatiche. I ricavi ottenuti dalla vendita delle quote d’asta dell’EU Ets possono essere trasformati nuovamente in investimenti diretti nella ristrutturazione delle energie rinnovabili. In particolare per le famiglie più svantaggiate.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.