idroelettrico
idroelettrico

L’anno scorso l’India ha annunciato nuovi obiettivi in materia di energie rinnovabili.

L’obiettivo è di aumentare entro il 2030 la capacità di produzione di energia non fossile a 500 GW e di soddisfare il 50% del fabbisogno elettrico del Paese attraverso le fonti rinnovabili. 

Tuttavia, dopo aver incluso le grandi centrali idroelettriche nella definizione di rinnovabili, secondo GlobalData, è probabile che il Paese raggiunga l’obiettivo al 2022, ma potrebbe mancare l’obiettivo specifico per il solare e di conseguenza non raggiungere l’obiettivo del 2030.

L’ultimo rapporto di GlobalData, “India power market size, trends, regulations, competitive landscape and forecast, 2022-2035“, rivela che l’obiettivo comprende anche il raggiungimento delle emissioni nette zero entro il 2070. 

L’India intende raggiungere questi obiettivi climatici nel lungo periodo principalmente attraverso l’aggiunta di capacità nel settore solare e attraverso l’esplorazione del potenziale eolico offshore.

Attaurrahman Ojindaram Saibasan, analista del settore energetico di GlobalData, commenta: “L’India si sta già concentrando sulle installazioni solari sui tetti e sui grandi progetti fotovoltaici a terra. Come parte del piano, nel settembre 2021 l’India ha approvato 45 parchi solari con una capacità totale di 37 GW nell’ambito del suo programma. L’India si trova in una fascia solare e riceve una quantità significativa di irraggiamento orizzontale diffuso (Dni) e di irraggiamento orizzontale globale (Ghi). Gli Stati più ricchi di energia solare sono Rajasthan, Karnataka, Gujarat, Andhra Pradesh, Telangana e Maharashtra. Gli enti normativi indiani hanno elaborato politiche e programmi interessanti per promuovere il settore delle energie rinnovabili. Ad esempio, l’Mnre offre benefici doganali e di accisa al settore dei tetti solari per stimolarne la crescita”.

Il piano sull’idroelettrico

Inoltre, è stata elaborata una nuova politica per il 2018-2028 per la crescita dei progetti idroelettrici nel Paese. Per aumentare la produzione di energia idroelettrica, il Governo ha concesso lo status di energia rinnovabile alle grandi centrali idroelettriche.

Il Governo ha inoltre promosso i progetti eolici fornendo diversi incentivi fiscali e promozionali. Alcuni dei più importanti regimi di sostegno includono ammortamenti accelerati, esenzioni dalle accise per i produttori, dazi d’importazione agevolati su alcuni componenti dei generatori eolici e un’esenzione fiscale sui redditi generati dai progetti eolici. 

Questi provvedimenti dovrebbero incoraggiare la partecipazione del settore privato ai progetti di energia rinnovabile.

Schermata 2022 07 13 Alle 09.40.20

Saibasan conclude: “Per raggiungere questi obiettivi, il Paese deve aggiungere oltre 38 GW di capacità rinnovabile all’anno nel periodo 2022-2030. L’alleggerimento dei processi di approvazione, la pre-identificazione dei terreni per lo sviluppo di energia rinnovabile, il potenziamento della rete per poter collegare senza problemi le centrali elettriche rinnovabili, l’investimento nell’accumulo di batterie e nelle micro-reti nelle aree remote, l’indizione di aste per le rinnovabili senza ritardi, l’applicazione rigorosa del meccanismo Rps e l’educazione dei consumatori finali all’adozione di sistemi su piccola scala come il solare fotovoltaico sui tetti, porteranno in futuro all’aumento della capacità in India. In base all’attuale scenario di mercato e al trend di crescita, è probabile che l’India non raggiunga l’obiettivo del 2030 per oltre 104 GW”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.