auto elettrica

Secondo GlobalData, a causa della guerra Ucraina-Russia, la Germania potrebbe non essere in grado di raggiungere il suo obiettivo di 15 milioni di veicoli elettrici (EV) sulle strade entro il 2030.

Aumento del 18% del nichel per le batterie

Incrementarne il numero era un elemento importante per il Paese, ma la guerra ha portato il prezzo del nichel, elemento chiave nelle batterie EV, ad aumentare del 18% dalla fine del 2021. Si tratta di una cifra che va oltre i 24mila dollari per tonnellata metrica. Di conseguenza, la Germania potrebbe assistere a una crescita ridotta  degli EV nei prossimi anni.

Secondo l’Agenzia tedesca per l’ambiente (Umweltbundesamt – Uba), il settore dei trasporti rappresenta il 20% delle emissioni totali in Germania.
Due fattori importanti per l’adozione dei veicoli elettrici sono stati: il sussidio a livello centrale e i prezzi delle batterie. Quindi, con questi ultimi destinati ad aumentare e l’incertezza sul livello di sovvenzione a livello centrale a partire dal 2023, la Germania potrebbe non essere in grado di raggiungere il suo obiettivo EV.

Mohit Prasad, practice head of power di GlobalData, commenta: “La Russia è il terzo produttore mondiale di nichel. Il nichel è un ingrediente importante che viene utilizzato nella produzione di batterie agli ioni di litio. Le batterie sono il componente più importante del veicolo elettrico. La guerra Ucraina-Russia ha portato al più elevato aumento dei prezzi del nichel in un decennio”.

La crisi dei produttori di automobili in Germania

I produttori di automobili in Germania sono già stati colpiti dalla crisi. Volkswagen, che nel 2021 aveva contribuito a più del 20% delle vendite di EV del Paese, ha sospeso la produzione in due fabbriche nella Germania orientale, perché la crisi ha interrotto le consegne di componenti critiche dall’Ucraina occidentale. Se questa situazione dovesse continuare, anche altri produttori potrebbero potenzialmente sospendere le loro operazioni.

Prasad aggiunge: “La Germania ha fissato un obiettivo provvisorio di riduzione del 48,1% delle emissioni di gas serra provenienti dal settore dei trasporti entro il 2030 rispetto al livello del 1990. La crescita del mercato dei veicoli elettrici è importante per raggiungere questo obiettivo. Il Paese ha già superato un milione di auto elettriche sulle strade, la metà di queste sono veicoli elettrici a batteria e il resto sono veicoli elettrici ibridi plug-in. Per raggiungere l’obiettivo di 15 milioni di soli EV entro il 2030, il mercato dovrebbe crescere ad un Cagr (Tasso di crescita annuale composto) del 35%”.

Ma, conclude Prasad: “Considerando i problemi e i ritardi relativi all’approvvigionamento di materie prime, che verrebbero ulteriormente amplificati dalla guerra Ucraina-Russia, il Paese potrebbe aspettarsi una crescita ridotta nel settore EV e, questo potrebbe intaccare l’obiettivo preliminare del Paese di ridurre le emissioni di gas serra provenienti dal settore dei trasporti entro il 2030”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.