energia rinnovabile fossiliL‘energia rinnovabile è sempre più economica rispetto a qualsiasi forma di produzione di energia elettrica basata sui combustibili fossili. Ad affermarlo è il nuovo report “I costi di produzione di energia rinnovabile nel 2019” realizzato dall’Irena. In particolare “oltre la metà della capacità rinnovabile aggiunta nel 2019 ha raggiunto costi di energia inferiori anche rispetto ai nuovi impianti a carbone più economici”.

Energia rinnovabile sempre più conveniente rispetto ai combustibili fossili

Ad esempio, in media, il fotovoltaico e l’eolico onshore hanno dei costi inferiori rispetto a quelli richiesti per il mantenimento in funzione di molte centrali a carbone esistenti. Inoltre, “i risultati delle aste mostrano che questa è una tendenza in accelerazione”. Ciò evidenzia i vantaggi dell’eliminazione graduale del carbone. 

Qualche numero

In particolare “l’anno prossimo, fino a 1.200 gigawatt (GW) di capacità di energia ottenuta dal carbone esistente potrebbero costare di più rispetto al costo del nuovo fotovoltaico solare su scala pubblica”, spiega il report.

Carbone vs solare ed eolico onshore, dati sui costi 

La sostituzione dei 500 GW di carbone più costosi con il solare fotovoltaico e l’eolico onshore l’anno prossimo ridurrebbe i costi del sistema di alimentazione fino a 23 miliardi di dollari all’anno. Inoltre, secondo le stime dello studio, questo passaggio alle Fer farebbe calare le emissioni annuali di circa 1,8 gigatonnellate (Gt) di biossido di carbonio, pari al 5% delle emissioni globali di CO2 nel 2019.

Energia rinnovabile, stimolo agli investimenti

“Il potenziamento di fotovoltaico ed eolico produrrebbe anche uno stimolo agli investimenti di 940 miliardi di dollari, pari a circa l’1% del Pil globale“, spiega l’agenzia.

Rinnovabili e crescita economica

L’energia rinnovabile è sempre più la fonte più economica per la nuova elettricità. Il settore offre un enorme potenziale per stimolare l’economia globale e riportare le persone al lavoro”, spiega Francesco La Camera, direttore generale dell’Irena.

Gli investimenti nelle energie rinnovabili sono stabili, convenienti e attraenti e offrono rendimenti coerenti e prevedibili, offrendo allo stesso tempo vantaggi per l’economia in generale”, aggiunge.

Eliminare gradualmente i sussidi alle energie fossili

Puntare sulle rinnovabili è uno dei pilastri della transizione energetica. Un percorso virtuoso che mira a ridurre i combustibili fossili. Il tutto per limitare il loro impatto ambientale sul pianeta. Secondo il Global energy review dell’Aie, i bassi prezzi del carburante, legati alla pandemia, offrono “un’opportunità storica” per eliminare gradualmente i sussidi ai combustibili fossili. 

Nello specifico, i sussidi globali per i combustibili fossili si attesteranno secondo l’agenzia a 180 miliardi di dollari nel 2020. Questo sarebbe il dato annuale più basso da quando l’Aie ha iniziato a tracciare i dati nel 2007.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.