Le rinnovabili potrebbero crescere fino al 50% nei prossimi 5 anni, trainate in particolare dal settore solare. E’ la previsione realizzata dalla Iea – International Energy Agency nel rapporto “Rinnovabili 2019”. L’ aumento previsto è di 1200 GW, equivalente alla potenza totale installata degli Stati Uniti oggi.

Il fotovoltaico in particolare ”rappresenta quasi il 60% della crescita prevista, mentre l’eolico onshore ne rappresenta un quarto”.

L’eolico offshore – spiega inoltre l’agenzia – contribuisce invece al 4% di questo aumento, con una previsione di capacità triplicata entro il 2024, stimolata da aste competitive nell’Unione europea e dall’espansione dei mercati in Cina e negli Stati Uniti. La capacità delle bioenergie cresce tanto quanto l’eolico offshore, con le maggiori espansioni in Cina, India e Unione Europea. La crescita dell’energia idroelettrica infine rallenta, sebbene rappresenti ancora un decimo dell’aumento totale della capacità rinnovabile, ovvero un quarto”.

Colombia punta sulle fer

Lasciando da parte il report della Iea, numeri positivi in ambito fer arrivano anche dalla Colombia. Il paese è riuscito ad ottenere una serie di contratti per progetti in ambito eolico e solare del valore totale di circa 2,2 mld di dollari. “E’ l’inizio di una rivoluzione perché ci consente di diversificare il nostro approvvigionamento elettrico” , ha detto il ministro dell’energia colombiano, Maria Fernanda Suarez, come riporta la Reuters.

Svezia, stop a incentivi per eolico onshore

Sempre in tema di fer, la Svezia, in linea con quanto già fatto dalla Norvegia, ha annunciato che eliminerà  i sussidi per i progetti di parchi eolici onshore dal 2021. Il settore infatti, secondo il ministro dell’energia, è in grado di reggersi in piedi da solo in maniera solida. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.