Economia circolare: con il riciclo dei PFU vantaggi fino a 400 mln di euro

1602

Shutterstock 287582921A quanto ammonterebbero i benefici economici, occupazionali e ambientali se si riuscissero a gestire le oltre 400.000 tonnellate di Pneumatici fuori uso (PFU) stimate generate annualmente in Italia? A delineare due scenari, uno al 100% riciclo e l’altro al 100% recupero energetico, lo studio della Fondazione per lo sviluppo sostenibile realizzato per conto di Ecopneus.

I numeri del recupero di PFU oggi in Italia

Attualmente in Italia il valore economico distribuito della filiera che si occupa del riciclo degli pneumatici fuori uso vanta 63 milioni di euro e 700 dipendenti per 250 mila ton di PFU recuperate annualmente da Ecopneus – con il 56% del materiale effettivamente recuperato.

I benefici del riciclo al 100% delle 400 mila tonnellate di PFU

Nello scenario di riciclo al 100% il valore aggiunto stimato per l’Italia ammonta a 400 miloni di euro e oltre 6.000 unità di lavoro dirette, indirette e indotte. Nello scenario di recupero energetico al 100% il valore aggiunto si ferma a 3 milioni e le unità di lavoro a poco meno di 500. La superiorità dei vantaggi differenziali si riflettono anche nelle emissioni evitate all’atmosfera: circa 477 mila ton di CO2 ogni anno, pari a quelle emesse da 293 mila automobili che percorrono 10.000 km. E ancora: si risparmierebbero 3.654 ettari di suolo, equivalenti a 5.000 campi di calcio, 1.163 mln di m3 di acqua e 1.066 mln di ton di risorse naturali fossili e minerali. Per non parlare del guadagno in salute: 719 anni di vita preservati evitando di respirare sostanze nocive e cancerogene.

Inoltre, il recupero degli pneumatici consentirebbe di ridurre la spesa per l’approvvigionamento di materie prime e di creare nuove opportunità di investimento su diversi progetti di scala nazionale.

Manca una cultura della Circular Economy

Tra le difficoltà con cui gli stakeholderd si trovano a fare i conti c’è “il pieno riconoscimento della qualifica di non-rifiuto, a granuli e polverini di gomma”, sottolinea in nota stampa il Direttore di Ecopneus Giovanni Corbetta, il quale “consentirebbe di fare un salto di qualità nel rapporto riciclo/energia, e ottenere maggiori benefici ambientali, occupazionali ed economici”. Cui si deve aggiungere il lavoro legato alla creazione di una leadership culturale in materia di economia circolare, oggi assente nel Paese.

Articoli correlati Pavimentazione per l’equitazione da PFU riciclati 

Con CambioPulito parte la caccia ai “fantasmi” degli pneumatici

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.