Lo scorso giugno è stato il terzo più caldo mai registrato

La temperatura media globale è stata di circa 0,32ºC superiore alla media del periodo 1991-2020. I dati di Copernicus

247

C3s Giugno 2022 E1657195209216 300x130A giugno 2022, i valori termici hanno superato la media 1991-2020 in gran parte dell’Europa. Le parti meridionali del continente dalla penisola iberica attraverso la Francia e l’Italia le zone più colpite.

Le temperature massime giornaliere in queste zone hanno superato i 40°C. Il caldo estremo ha anche esacerbato le condizioni di siccità in corso nel bacino del fiume Po.

Numerosi primati di temperatura del mese sono stati battuti in Francia e Spagna. Per esempio nei Paesi Baschi di entrambi. Questi valori anomali hanno raggiunto tutto il Nord Africa, dove la Tunisia ha eguagliato il suo record di temperatura mensile.

Inoltre a Banak nel nord della Norvegia, è stata registrata una temperatura massima giornaliera di 32,5°C. Rappresenterebbe un nuovo primato di giugno per la contea.

Nonostante questi valori fuori norma, la temperatura media mensile per l’Europa non è stata la più calda in assoluto mai registrata.

Addirittura, in Russia occidentale, nella Turchia centrale, nelle aree occidentali della penisola iberica e in Irlanda, le temperature erano inferiori alla media.

Anche il resto del Pianeta soffre la canicola

Temperature superiori alla media hanno interessato tutta la Siberia e in gran parte dell’Asia. Le ondate di caldo nella Cina centrale e settentrionale hanno causato anche un aumento della domanda di elettricità.

Valori oltre i 35°C hanno colpito per cinque giorni di seguito Tokyo, anche questo un primato.

In America settentrionale, le temperature più alte hanno interessato Texas: Houston  ha registrato il giugno più caldo mai registrato.

Anche San Antonio ha sofferto questo caldo estremo. Lo stesso in Medio Oriente, dove il caldo è stato superiore alla media.

In Antartide e sul mare di Weddell ha fatto molto più caldo del previsto. Altre zone con temperature superiori alla media includevano il Canada settentrionale, l’Africa centrale e l‘Australia occidentale.

Dove ha fatto più “freddo”

Temperature molto più fredde della media hanno interessato Groenlandia, gran parte del Sud America, in particolare Argentina, Africa meridionale e in tutta l’Australia orientale.

Le temperature erano inferiori alla media anche in Africa nord-occidentale e in piccole porzioni dell’est asiatico.

Sui mari i valori variano

Le temperature dell’aria sulla superficie marina erano variabili su tutti i principali bacini oceanici.

Temperature superiori alla media si sono verificate soprattutto nel Pacifico nord-orientale e nell’Atlantico meridionale. Mentre nel Pacifico orientale tropicale e subtropicale meridionale, i valori erano inferiori. In questo caso la responsabilità era il persistere delle condizioni di La Niña .

Infine, temperature sotto media erano presenti nell’Oceano Indiano meridionale a sud del Madagascar e dell’Australia.

In sintesi

A livello globale, giugno 2022 è stato:

  • 0,31°Cpiù caldo della media 1991-2020 di giugno.
  • Il terzo giugno più caldo mai registrato.
  • Superiore di 0,05°C rispetto valori più elevati più caldi, quelli del 2019 e del 2020.

Le anomalie della temperatura media europea sono generalmente più grandi e più variabili delle anomalie globali.

La temperatura media europea per giugno 2022 era 1,57°C inferiore rispetto alla media 1991-2020. È stato il secondo giugno più caldo in questo pannello di dati. Tuttavia, è stato di 0,3°C più freddo del giugno più caldo, verificatosi nel 2019.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Pubblicista dal 2007, scrive per il Gruppo Italia Energia.