Caldo eccezionale anche a settembre

Continuano i primati registrati da Copernicus

132

Settembre si è ripetuto. Le temperature sono le stesse del 2016. Secondo i dati del C3s (Copernicus climate change service) a livello globale è stato più caldo nella media dell’intervallo di tempo 1981-2010 di 0,57° C. Un dato che sfiora il valore del 2016, il più caldo di sempre.

I primati delle alte temperature

Questo valore segue una serie di primati a partire da giugno scorso, quindi è il quarto mese consecutivo più caldo di sempre (anche se il valore di settembre è di 0,02°C inferiore rispetto al record del 2016). Nel continente europeo gran parte dei paesi hanno registrato temperature superiori alla media. Solo nel nord estremo, in particolare Norvegia e Svezia, le temperature sono state inferiori.

A livello mondiale, negli Stati Uniti centro orientali, in Mongolia e nell’Artico (dove l’estensione del ghiaccio marino è stata del 36% inferiore alla media) sono stati registrati valori superiori. In Russia sud occidentale e in parte dell’Antartide si sono rilevate temperature notevolmente al di sotto della media. Il livello delle precipitazioni si è mantenuto al di sotto della media su quasi tutto il continente, mentre sul piano globale la piovosità ha causato anomalie evidenti dovute a eventi meteorologici estremi.

Su questo Jean-Noel Thépaut, direttore di Copernicus Ecmwf, Centro europeo previsioni meteorologiche a medio termine, si è così espresso: “La serie di recenti registrazioni di temperature da record è un allarmante promemoria sulla natura a lungo termine del riscaldamento globale. Le continue emissioni di gas serra e le conseguenze sulle temperature, vedranno il superamento di altri record in futuro”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.