foto presa dal sito del cnr

Monitorare lo stato si salute dell’ambiente marino gravato dagli effetti del cambiamento climatico e sperimentare nuove tecnologie. Sono  questi gli obiettivi con cui è stato realizzato il nuovo osservatorio sottomarino installato dal Distretto ligure delle tecnologie marine (Dltm), in collaborazione con Enea, Cnr, Ingv, Istituto idrografico della marina, Comune di Lerici e Cooperativa mitilicoltori spezzini, nell’ambito del progetto LabMare finanziato dalla Regione Liguria.

Dove si trova

Questa struttura di ricerca è posizionata nella baia di Santa Teresa davanti all’omonimo Centro Enea e fa parte dello stesso progetto scientifico dell’osservatorio sottomarino profondo installato lo scorso anno a circa 600 m di profondità al largo dell’Area marina protetta delle Cinque Terre.

Caratteristiche

Questa laboratorio innovativo e altamente tecnologizzato è situato  a 10 metri sotto il livello del mare, nel Golfo dei Poeti (La Spezia). La struttura è dotata di telecamere digitali, sensori per il monitoraggio dei parametri ambientali (temperatura, salinità e velocità delle correnti) e speciali gabbie per lo studio della degradazione delle plastiche e l’assorbimento di sostanze inquinanti in ambiente marino.

Una struttura a disposizione della ricerca

“L’infrastruttura – come spiega una nota –  potrà essere utilizzata da parte di enti di ricerca e imprese come un vero e proprio laboratorio di sperimentazione per testare tecnologie all’avanguardia e sensori subacquei innovativi.” Il collegamento cablato di questo laboratorio di ultima generazione, permetterà la fruizione in tempo reale delle immagini e dei dati geofisici ed oceanografici acquisiti.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.