Anche i tesori protetti dell’area marina protetta di Portofino sono minacciati dai cambiamenti climatici. A sottolinearlo è Greenpeace che proprio in questi giorni, con i suoi sub, ha svolto delle immersioni di monitoraggio sulla flora e fauna marina costiera con i ricercatori del Distav dell’università di Genova e gli esperti dell’Area marina protetta per il progetto “Mare caldo”. Nello specifico l’associazione ha rilevato effetti simili a quelli  provocati dal riscaldamento del mare all’isola d’Elba.

Greenpeace, gli effetti dei cambiamenti climatici a Portofino

“Se da un lato i fondali sono ricchi di pesce e pareti di corallo rosso. Dall’altro le bellissime foreste di gorgonie rosse e gialle mostrano i danni di precedenti ondate di calore. E sono ricoperte da mucillagine, presente fino a oltre trenta metri. Inoltre sono sempre più frequenti specie tipiche di acque più calde”, spiega Greenpeace.

Cambiamenti climatici, timori per il futuro della biodiversità marina a Portofino

“La nostra è l’Area marina protetta più a nord dei mari Italiani. Il fatto che anche qui le temperature aumentano fa temere per il futuro della biodiversità marina. Il lavoro di monitoraggio fatto fino ad oggi evidenzia come gli impatti del cambiamento climatico vadano ad aggravare quelli delle altre attività umane nell’area. Per questo abbiamo deciso di lavorare con Greenpeace in modo che dal confronto dei nostri dati con quelli di altre aree si possa non solo capire meglio cosa sta succedendo. Ma anche sviluppare adeguati strumenti di gestione e tutela”, sottolinea in nota Giorgio Fanciulli, direttore dell’Amp di Portofino.

Il progetto Mare caldo

Il Progetto “Mare caldo” di Greenpeace, iniziato con una stazione pilota all’Isola d’Elba per il monitoraggio delle temperature marine, cresce.  Oltre all’Amp di Portofino, anche quella di Capo Carbonara – Villasimius in Sardegna e quella del Plemmirio in Sicilia, hanno aderito al progetto. E installeranno a breve dei termometri in mare. Il progetto condividerà i propri dati con quelli della rete mediterranea T-med net. Di cui l’Amp di Portofino fa già parte partecipando anche al progetto Mpa engage per sensibilizzare e formare sull’impatto dei cambiamenti climatici i principali attori coinvolti nella gestione del territorio.

Il mare sta soffrendo per l’impatto dell’uomo

Quanto stiamo osservando durante la nostra spedizione è che dall’inquinamento da plastica all’impatto dei cambiamenti climatici, il mare sta soffrendo a causa dell’impatto dell’uomo, non vi è più tempo da perdere se vogliamo salvare le creature che lo abitano. Dobbiamo da un lato tagliare le emissioni dei gas serra e dall’altro sviluppare la rete di aree protette in linea con l’impegno dell’Italia di proteggere entro il 2030 il 30 per cento dei propri mari. Se il mare viene tutelato, la biodiversità è in grado di affrontare meglio i cambiamenti in atto” spiega in nota Giorgia Monti, responsabile della campagna mare di Greenpeace.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.