Wwf_Sofidel-Elaborati bambini_Mi curo di te
Wwf_Sofidel-Elaborati bambini_Mi curo di te

Per l’anno 2020/21, sono state quasi 7 mila le classi delle scuole primarie e secondarie e oltre 148 mila gli studenti, che anche hanno aderito alla 7° edizione del Progetto educativo Mi curo di te, finalizzato a conoscere meglio il Pianeta, iniziando dalle foreste e dall’Agenda delle Nazioni Unite 2030. Il progetto è stato promosso da Wwf Italia e Regina, gruppo Sofidel. 

Il progetto “Mi curo di te” 

Da tanti anni, il progetto educativo Mi Curo di Te va avanti con lo scopo di informare e far conoscere alle nuove generazioni l’impatto che i comportamenti quotidiani hanno sui fenomeni che avvengono sul Pianeta, così che adottino comportamenti sostenibili. Sostenuto anche dalle linee guida ministeriali sull’insegnamento dell’educazione civica, che attualmente si basa sui pilastri della cittadinanza digitale, costituzione e sostenibilità.

Da quando questa iniziativa è nata nel 2014, ha interessato circa 380.000 bambini e ragazzi, che hanno potuto, attraverso la propria creatività, prendere confidenza con un tema oramai divenuto fondamentale.

Le scuole vincitrici

Sul podio, al 1° posto si sono piazzate rispettivamente: la scuola primaria C.D. “S. D. Savio – T. Fiore”, di Gravina in Puglia (Bari) e la scuola secondaria di primo grado Angri Galvani-Opromolla di Angri (Salerno), vincendo mille euro in buoni spesa per l’acquisto di materiale didattico e prodotti Regina. Per i docenti, il premio consiste nell’accesso alla piattaforma di apprendimento di Wwf Italia OnePlanetSchool, nata con l’obiettivo di impostare un ordinato sistema educativo e formativo con una forte spinta verso l’innovazione sui diversi temi trasversali della conoscenza e della conservazione attiva della natura.

Al 2° posto, si è classificata la scuola primaria G. Pallavicini di Roma e quella secondaria di primo grado I.C. Maneri Ingrassia-Don Milani di Palermo, il premio per loro ammonta a 600 euro in buoni spesa per materiale didattico.

Al 3° posto, la scuola primaria IC G. Marconi di Paternò (Catania) e la secondaria di primo grado P. Mattej di Formia (Latina), che riceveranno un buono pari a 400 euro. 

“Anche questa edizione del progetto “Mi Curo di Te” ha dimostrato che tra le nuove generazioni esiste un vivo interesse e un pieno coinvolgimento su tematiche che riguardano il rispetto e la salvaguardia del nostro Pianeta”, commenta Elena Faccio, Sofidel creative, communication & csr director. “Il nostro marchio, insieme a Wwf Italia, continuerà quindi a impegnarsi in questo percorso educativo, orgoglioso di poter dare un contributo utile per aiutare i giovani a essere più consapevoli e preparati per affrontare un futuro in armonia con l’ambiente”.

Anche Benedetta Flammini, direttrice marketing e comunicazione, Wwf Italia commenta così l’iniziativa: “Aver avvicinato le giovani generazioni a un ambiente naturale che fa così parte anche della nostra cultura come le foreste, rappresentandone il fascino, le preziose funzioni, le minacce e le soluzioni, molte alla portata anche dei più giovani, e aver sensibilizzato così tante classi con i loro docenti, entrambi veri e propri moltiplicatori  di quanto acquisito verso la propria comunità, non può che confermare la valutazione positiva di un progetto che possiamo dire storico e nuovo, Mi Curo di Te”.

Gli elaborati

Dopo aver studiato il tema della biodiversità e della salvaguardia delle foreste, gli studenti hanno prodotto un elaborato, che per le scuole primarie è stato il disegno di un poster che rappresenta il percorso fatto sul tema. Le scuole secondarie di primo grado hanno invece inventato uno slogan di classe volto a sensibilizzare tutti sull’importanza delle foreste.

La prossima edizione avrà come soggetto Clima e cambiamenti climatici” per affrontare le questioni sul riscaldamento globale e le sue conseguenze.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.