moda sostenibile covid
Foto di Pexels da Pixabay

L’UE ha  aggiunto un ulteriore tassello alla sua azione contro le sostanze chimiche pericolose usate nel settore dell’abbigliamento.  Da domenica 1° novembre è in vigore una restrizione che limita l’esposizione dei consumatori a 33 sostanze chimiche cancerogene, mutagene o tossiche per la riproduzione (Cmr). Si tratta un’iniziativa che arriva a breve distanza dall’adozione della nuova strategia sulle sostanza chimiche, avvenuta a metà ottobre.

Sostanze chimiche pericolose, validità della restrizione

“La restrizione – spiega una nota – aumenterà la sicurezza dei capi di abbigliamento, degli articoli tessili e delle calzature usati quotidianamente dagli europei, indipendentemente dal paese in cui sono acquistati e dal fatto che siano fabbricati nell’UE o importati”.

Cosa stabilisce la restrizione

La restrizione specifica i limiti massimi di concentrazione delle singole sostanze o gruppi di sostanze potenzialmente presenti in questi prodotti, compresi, tra gli altri, gli idrocarburi policiclici aromatici (Ipa), il cadmio, il cromo, il piombo e i suoi composti e ftalati. Il provvedimento contribuisce inoltre a ridurre le emissioni di queste sostanze pericolose nell’ambiente, che possono verificarsi ad esempio durante il lavaggio. E a migliorare la qualità dei materiali tessili riciclati.

Il regolamento Reach

La restrizione si basa sul regolamento Reach dell’UE, che garantisce la maggiore protezione della salute umana e dell’ambiente al mondo.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.