isolanti termici ediliziaLa ministra dei Trasporti Paola De Micheli ha firmato, di concerto con il ministro Roberto Gualtieri e il ministro Dario Franceschini, il decreto per l’erogazione dei finanziamenti per la “Qualità dell’abitare”.

Cosa stabilisce il decreto

All’interno del decreto sono stabilite le procedure per la presentazione delle proposte, i criteri per la valutazione e le modalità di erogazione dei finanziamenti per l’attuazione del “Programma innovativo nazionale per la qualità dell’abitare”.

Le risorse previste dal decreto

Il provvedimento prevede lo stanziamento di 853,81 milioni di euro fino al 2033. Risorse che hanno come obiettivo la promozione di processi di rigenerazione di ambiti urbani specificamente individuati. Il tutto per concorrere alla riduzione del disagio abitativo e insediativo. Con particolare riferimento alle periferie, e all‘incremento della qualità dell’abitare e di parti di città, all’incremento dell’edilizia residenziale pubblica.

Ministro De Micheli: “Realizzare soluzioni durevoli per la rigenerazione del tessuto socio economico”

In sostanza gli interventi saranno finalizzati a incrementare l’edilizia residenziale pubblica, a realizzare soluzioni durevoli per la rigenerazione del tessuto socio economico”. Il tutto “per l’arricchimento culturale, la qualità dei manufatti, dei luoghi e della vita delle persone in un’ottica di innovazione e sostenibilità, senza consumo di nuovo suolo” sottolinea in nota la ministra Paola De Micheli.

Ministro Franceschini “Restituire qualità dell’abitare”

“Prende il via un programma organico nazionale per il recupero delle periferie e delle aree urbane degradate – spiega in nota il ministro Dario Franceschinifortemente voluto da questo governo per andare incontro alle esigenze dei tanti italiani che vivono, sognano e lavorano in luoghi in cui è fondamentale restituire la qualità dell’abitare”.

Ministro Gualtieri “Intervento che che mira a dare sostegno alle fasce più disagiate della popolazione e a riqualificare la vita nelle nostre città”

“E’ un altro intervento importante nella strategia complessiva del governo, che mira allo stesso tempo a dare sostegno alle fasce più disagiate della popolazione e a riqualificare la vita nelle nostre città”, sottolinea il ministro Roberto Gualtieri.Stanziamo fondi per garantire più sicurezza e più decoro in aree che adesso sono degradate, e per il recupero del patrimonio edilizio con criteri di qualità e di eco-sostenibilità. I quartieri delle nostre periferie possono e devono diventare più vivibili. Fermando il consumo del suolo e rilanciando gli interventi di edilizia residenziale pubblica secondo una visione moderna. Il Programma per la qualità dell’abitare vuole rispondere alle esigenze e alle aspettative di milioni di famiglie che hanno diritto a vivere in case e in quartieri degni di un Paese avanzato”.

Le 5 linee d’azione

Sono cinque in particolare le linee principali d’azione sulle quale si indirizza la ricerca delle proposte:

  • riqualificazione e riorganizzazione del patrimonio destinato all’edilizia residenziale sociale e incremento dello stesso;
  • rifunzionalizzazione di aree, spazi e immobili pubblici e privati anche attraverso la rigenerazione del tessuto urbano e socioeconomico e all’uso temporaneo;
  • miglioramento dell’accessibilità e della sicurezza dei luoghi urbani e della dotazione di servizi e delle infrastrutture urbano-locali;
  • rigenerazione di aree e spazi già costruiti, soprattutto ad alta tensione abitativa, incrementando la qualità ambientale e migliorando la resilienza ai cambiamenti climatici anche attraverso l’uso di operazioni di densificazione;
  • individuazione e utilizzo di modelli e strumenti innovativi di gestione, inclusione sociale e welfare urbano nonché di processi partecipativi, anche finalizzati all’autocostruzione

Il 34% delle risorse alle regioni del Mezzogiorno

Il 34% delle risorse complessive stanziate dal Programma sarà destinato alle regioni del Mezzogiorno. Il contributo massimo per ogni proposta è di 15 milioni di euro. In totale le proposte potranno essere massimo tre per uno o più ambiti specifici. A proporle nell’ambito del programma potranno essere regioni (anche come soggetti aggregatori di strategie di intervento coordinate con i comuni), città metropolitane e comuni con più di 60.000 abitanti.

Le due fasi della presentazione delle proposte

La presentazione delle proposte si articolerà in due fasi. “Nella prima (Fase 1) bisognerà trasmettere una Proposta complessiva preliminare indicante la strategia nel suo complesso. E l’insieme di interventi atti a raggiungere le finalità prescritte e che saranno esaminati dall’Alta Commissione secondo specifici criteri. Nella seconda (Fase 2), per tutte le proposte ammesse, è prevista la trasmissione della Proposta complessiva finale, indicante lo stato di avanzamento della stessa”.

Date utili

Entro 120 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta si dovranno presentare le domande. Mentre si prevede che entro la prossima primavera verranno erogati gli acconti della Fase 1. La Direzione generale dell’edilizia statale e gli interventi speciali del Mit, competente per l’attuazione del Programma, entro il 31 gennaio di ogni anno, predisporrà una relazione annuale al Parlamento, sullo stato di avanzamento delle proposte ammesse a finanziamento.

Ammesse al finanziamento anche le proposte pilota

Potranno accedere al finanziamento anche le proposte definite “Pilota”. Ovvero quelle ad alto impatto strategico sul territorio nazionale, da cofinanziarsi anche con eventuali ulteriori risorse. “Ivi comprese quelle di cui al Recovery fund, come da eventuali indicazioni europee e nazionali, in quanto orientati all’attuazione del Green deal e della Digital agenda”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.