Per la prima volta si è svolta in Italia la conferenza annuale Acomes (9-11 settembre) che ha raccolto a Roma gli organismi centrali di stoccaggio dei prodotti petroliferi. L’organizzazione dell’evento e la rappresentanza dell’Italia sono state poste in capo all’Acquirente Unico, in qualità di gestore dell’Organismo centrale di stoccaggio (Ocsit).

“È stato un meeting che ha permesso uno scambio significativo di esperienze”, spiega sull’ultimo numero di e7 Marco Primavera, direttore Ocsit, “oltre a un positivo confronto su temi quali le nuove norme relative ai combustibili ad uso marino – che andranno in vigore dal 2020 – così come le sfide dettate dalla transizione energetica, che sta impattando i consumi finali di combustibili”. L’edizione italiana, inoltre, “ha ulteriormente rinforzato il network degli organismi nazionali di stoccaggio a vantaggio della condivisione e diffusione di competenze specifiche e di best practice”.

Restando in tema di inquinamento dei mari su e7 l’intervista al direttore relazioni esterne Gruppo Grimaldi, Paul Kiprianou, unico armatore italiano che, su commissione della Federazione del Mare e di Confitarma, ha firmato e sottoscritto la Carta “Sails-Sustainable actions for innovative and low impact shipping” su proposta degli armatori francesi.

Dalle scorte petrolifere ai carburanti, in questo numero del settimanale è ampio lo spazio dedicato alla mobilità, a partire da un approfondimento su un accordo tra Eni, Toyota, Comune e Città metropolitana di Venezia per lo sviluppo delle stazioni di rifornimento di idrogeno, con il quale si intende abbattere le emissioni nei trasporti.

Un aspetto fondamentale, quello della sostenibilità, secondo il presidente di Aict Andrea Penza, che su e7 descrive la nuova procedura di omologazione Wltp per consumi ed emissioni dei veicoli e il nuovo regolamento UE 2019/631 per la riduzione dell’impatto ambientale: “È facile immaginare che molta parte del dibattito dei prossimi anni sarà incentrato sulla possibilità, o meno, di considerare la parte bio dei carburanti convenzionali nel calcolo degli obiettivi del nuovo regolamento”.

A fine settembre a Firenze si svolgerà la 37° edizione dell’International No-Dig, fiera dedicata alle trenchless technology quest’anno ospitata dal nostro Paese. “Non esamineremo solo tecniche specifiche tramite lo strumento dei case study ma parleremo anche dei benefici ambientali e di sostenibilità. Inoltre approfondiremo temi quali la mappatura e le indagini conoscitive”, come spiega Samuel T. Ariaratnam, presidente Comitato scientifico della manifestazione.

Completano questo numero del settimanale le consuete rubriche: Visto su Quotidiano EnergiaVisto su Canale Energia e News Aziende.

3 \ focus di Agnese Cecchini

Combustibili marini e transizione energetica. Il commento a e7 di Marco Primavera, direttore dell’Organismo centrale di stoccaggio

5 \ contenuto sponsorizzato

Acea per la sostenibilità: tutti i numeri di un’azienda ai tempi della green economy

7 \ inquinamento di Ivonne Carpinelli

Una carta per acque più pulite. Intervista all’unico armatore italiano che ha firmato ad oggi la Carta Sails proposta dai francesi, il direttore relazioni esterne Paul Kiprianou di Grimaldi

10 \ dossier – Mobilità di Ivonne Carpinelli

L’idrogeno nella stazione di rifornimento del futuro. L’idea si fa più concreta con la firma dell’accordo tra Eni,Toyota, Comune e Città metropolitana di Venezia

12\ Il driver ambientale nei trasporti di Andrea Penza

17 \ visto su canale

Inquinamento, abbandono e maltempo: allarme in motagna

18 \ Riviste di Antonio Junior Ruggiero

Firenze apre le porte al 37° international no-dig. Torna la rivista nazionale delle tecnologie a basso impatto ambientale

20 \ visto su QE

Riforma tasse energia, la Ue ci riprova

22 \ NEWS Aziende

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.