Il ruolo della tecnologia nella protezione delle aree a rischio

321

tecnologia power_electricity_plant_night_aerial_2101_780x371L’infrastruttura critica è composta dalla complessa rete di attività che contribuiscono ad assicurare l’efficienza e il corretto funzionamento della “macchina Paese”. Il settore energia è parte integrante dell’insieme: ecco perché chi opera in questo ambito si pone l’obiettivo di mantenere costante la sua capacità di fornitura quotidiana di servizi fondamentali, mettendosi al riparo dai rischi di eventuali interruzioni nell’erogazione.

Di fatto, le minacce che possono portare a un blocco della produzione sono diverse: furti, sabotaggi, attacchi cyber sono purtroppo all’ordine del giorno e i danni provocati da incidenti o atti dolosi hanno pesanti ricadute nella vita dei cittadini, nonché sul fatturato e sull’immagine dell’azienda che offre ed eroga i servizi.

Tecnologia di monitoraggio h24

Negli ultimi anni, la tecnologia ha svolto un ruolo via via più centrale nell’approntare la messa in sicurezza dei siti produzione, delle sedi e delle strutture aziendali di chi opera nel settore dell’energia. Macchinari e sistemi possono infatti essere monitorati 24 ore su 24 con sistemi che, nel caso di malfunzionamenti o eventi anomali come incendi o allagamenti, fanno scattare gli opportuni allarmi. Inoltre, grazie ai sistemi di videosorveglianza, è possibile controllare gli accessi, i varchi e gli ingressi di persone e automezzi che accedono ai siti e impedire il superamento delle recinzioni da parte di estranei non autorizzati.

Interventi mirati e aggiornamento costante alle normative vigenti

Sistemi all’avanguardia dal punto di vista tecnologico consentono, in pratica, di  monitorare in tempo reale tutto quello che avviene e, quindi, di predisporre interventi mirati. In più, le soluzioni che la moderna tecnologia mette a disposizione consentono di erogare servizi, giorno dopo giorno, sempre più efficienti, connessi e calibrati sulle precise esigenze della clientela che garantiscono così un forte vantaggio competitivo. La protezione perimetrale di accessi e siti e il puntuale monitoraggio delle attività, insieme a un’accurata sicurezza informatica, sono un investimento sicuro, a largo raggio e con la prospettiva di un ritorno nel tempo, anche in termini di fatturato e di immagine. Infine, chi gestisce le infrastrutture critiche utilizzando un’adeguata tecnologia ha anche l’opportunità di conformarsi alle vigenti normative, rispettando e facendo rispettare gli obblighi in materia di ambiente, salute e sicurezza.

Una guida sui punti centrali per un sistema di protezione ideale

Ecco perché è fondamentale affidarsi a fornitori che sappiano consigliare e assicurare l’adozione di linee guida utili al mantenimento dei necessari parametri di sicurezza.
Axis Communications, partner di numerosi progetti coinvolti nella  protezione di aree critiche e industriali, ha raccolto in una guida tutte le indicazioni per effettuare gli step principali destinati a gestire un sistema di protezione ideale, con focus mirati sulle richieste più frequenti e i suggerimenti stilati da esperti del settore per la best practice.

  SCARICA LA GUIDA AXIS

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Axis Communications
Axis permette di creare un mondo più intelligente e sicuro grazie a soluzioni di rete che migliorano la sicurezza e forniscono nuove opportunità di business. In qualità di leader nel settore dei video di rete, Axis offre prodotti e servizi per la videosorveglianza e l'analisi dei video, il controllo degli accessi e gli impianti audio. Axis ha oltre 3000 dipendenti in più di 50 paesi e collabora con partner in tutto il mondo per fornire soluzioni ai clienti. Fondata nel 1984, Axis è una società con sede a Lund, in Svezia. Per ulteriori informazioni su Axis, visitare il sito web www.axis.com