Famigerata nave bracconiera di Merluzzo dell’Antartico arrestata dalla Guardia Costiera Liberiana con l’aiuto di Sea Shepherd

565

Una nota nave bracconiera di Merluzzo dell’Antartico (“Dissostichus spp.”, nota di traduzione) e della Patagonia, famosa per depredare l’Antartico, è stata arrestata il 13 Marzo nelle acque appartenenti alla Liberia, stato dell’Africa occidentale, da parte della Guardia Costiera liberiana con l’assistenza dell’organizzazione per la conservazione marina Sea Shepherd.

La F/V Hai Lung, conosciuta dalla Commissione per la Conservazione delle Risorse Marine Viventi dellAntartide (CCAMLR, nell’acronimo in inglese) con il suo precedente nome ‘Kily’, stava transitando nelle acque liberiane quando è stata abbordata e ispezionata dal team della Guardia Costiera liberiana che lavora a fianco dell’equipaggio di Sea Shepherd a bordo della nave pattugliatrice di Sea Shepherd M/Y Sam Simon.

Operante con una lunga lista di nomi differenti, inclusi ‘Yele’, ‘Ray’, ‘Kily’, ‘Constant’, ‘Tropic’ e ‘Isla Graciosa’, la F/V Hai Lung è un famigerato peschereccio che è stato inserito nella lista nera da molte organizzazioni regionali di gestione della pesca (ORGP) incluse CCAMLR, SEAFO e NEAFC.

Come risultato alla nave è stato negato l’acceso ai porti in Togo e Angola, e fonti non ufficiali affermano che l’anno scorso in Nigeria era stata trattenuta in stato di fermo per essere entrata nelle acque nigeriane senza autorizzazione.

Una volta a bordo della F/V Hai Lung, agli Ufficiali della Guardia Costiera liberiana è stata presentata una falsa documentazione che dichiarava la F/V Hai Lung come battente bandiera della Repubblica dell’Indonesia.

Il Certificato di Nazionalità riportava come data di emissione l’8 agosto 2017 a Jakarta, Indonesia, da un ufficiale del Ministero dei Trasporti che da tempo era stato trasferito ad altra mansione governativa. Il Ministero del Commercio Marittimo e della Pesca indonesiano non ha nessuna registrazione della nave nei suoi database.

Il falso Certificato di Nazionalità rende la F/V Hai Lung una nave ‘senza nazionalità’ soggetto a sequestro anche in mare aperto.

“Su queste basi, inclusa una lunga lista di altre violazioni, non ultima il sospetto di essere sfuggiti alla giustizia nigeriana con mazzette alla Polizia per la Sicurezza Marittima, la Guardia Costiera liberiana ha deciso di arrestare la F/V Hai Lung, trattenendola nella base della Guardia Costiera liberiana nel porto di Monrovia in attesa di ulteriori investigazioni”, ha dichiarato l’Onorevole Daniel Ziankahn, Ministro della Difesa Nazionale liberiana.

Si ritiene che il proprietario della F/V Hai Lung sia lo spagnolo Sig. Argibay Perez, un noto bracconiere di Merluzzo dell’Antartico appartenente alla “Mafia galiziana” che è stato dichiarato colpevole di crimini sia a La Réunion (France) che in Australia. Nel 1999, la Corte Suprema della Western Australia, multando il Sig. Perez, ha concluso che “il richiedente ha commesso sei reati di grave natura e in cui il livello di criminalità era alto”.

Il sig. Argibay Perez è anche collegato alla F/V Viking, nave per cui era stata emessa una “Purple Notice” dell’Interpol nel 2013 prima di essere arrestata e affondata dalla Marina indonesiana nel 2016.

“A bordo della F/V Hai Lung, il team della Guardia Costiera liberiana ha scoperto un registro di contatti che includeva una dozzina di famigerati bracconieri di Merluzzo dell’Antartico inclusi due dei bracconieri di Merluzzo dell’Antartico conosciuti come “the Bandit Six”:F/V Viking e la F/V Thunder, entrambe soggette a “Purple Notice” dell’Interpol prima di essere distrutte. L’ultima di queste era la nave che io e il mio equipaggio abbiamo inseguito per 110 giorni prima del suo affondamento nel Golfo di Guinea nell’aprile del 2015. Essendo l’Indonesia un leader mondiale nella lotta alla pesca illegale è sia audace che offensivo che la F/V Hai Lung abbia tentato di falsificare documenti indonesiani”, ha dichiarato il direttore delle campagne di Sea Shepherd Global Peter Hammarstedt.

Sull’Operazione Sola Stella

Da febbraio 2017, con il nome di Operazione Sola Stella, Sea Shepherd ha assistito il governo della Liberia a contrastare la pesca INN fornendo l’uso di un pattugliatore d’altura civile impiegato in acque territoriali liberiane, sotto il comando del Ministero della Difesa Nazionale della Liberia.

Operazione Sola Stella ha portato all’arresto di nove pescherecci per pesca pesca illegale, non dichiarata e non regolamentata (INN). I Paesi in via di sviluppo sono particolarmente vulnerabili alla pesca INN, che costituisce fino al 40% del pescato nelle acque dell’Africa occidentale. About Operation Sola Stella

Nel 2016 Sea Shepherd ha cooperato con il governo del Gabon per Operazione Albacore, che ha portato a più di 80 ispezioni in mare di pescherecci e al conseguente arresto per pesca INN di cinque pescherecci a traino battenti bandiera congolese e di un peschereccio spagnolo con palangari.

Nel 2018 Sea Shepherd ha iniziato Operation Jodari con pattugliamenti contro la pesca INN nelle acque della Tanzania in partnership con le Autorità Tanzaziane per la Pesca in Alto Mare , la Marina della Tanzania, l’agenzia Antidroga della Tanzania ,la Multi-Agency Task Team (MATT) e Fish-i Africa.

Operazione Sola Stella è il proseguimento dell’impegno di Sea Shepherd Global a lavorare attivamente con i governi nazionali e le autorità incaricate dell’applicazione della legge per contrastare la pesca INN. Leggi di più sulla campagna qui: https://www.seashepherdglobal.org/our-campaigns/operation-sola-stella/

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.