Le società italiane nel mondo questa settimana guardano a gasdotti e rinnovabili

153
società italiane nel mondo
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

La rubrica delle società italiane nel mondo questa settimana riguarda l’attività del trasporto gas in Canada e l’uso di energia rinnovabile per la gestione dati in Grecia.

Bonatti parteciperà alla costruzione del gasdotto
Coastal gaslink in Canada

Bonatti, sfruttando la partecipata canadese Pacp (Pacific atlantic pipeline construction), sarà parte di un contratto del valore di 65 milioni di euro per la realizzazione del segmento del gasdotto Coastal gaslink, situato nella porzione occidentale della confederazione nordamericana. Questo successo segue le aggiudicazioni dei segmenti 6 e 7 ottenute nel 2018 e permette a Bonatti di raggiungere gli 800 milioni di dollari canadesi per gli investimenti del Gruppo in Canada.

L’infrastruttura sarà funzionale a potenziare la rete di idrocarburi in tutto il paese e aprirà uno sbocco verso il Pacifico per il gas naturale estratto nel nord est della British Columbia e in Alberta.

Sparkle ottiene la certificazione per l’uso di rinnovabili
nei suoi centri dati in Grecia

Hellenic petroleum ed Edison (Elpedison), operatore elettrico ellenico impegnato nel rispetto dei temi ambientali, ha scelto tra le società italiane nel mondo: Telecom Italia Sparkle S.p.A. Alla Sparkle quindi viene assegnato il Certificato di origine che sottolinea l’uso esclusivo di energia derivante da fonti rinnovabili per l’elettricità usata nei data center da maggio 2020. Telecom Italia Sparkle S.p.A. in Grecia guida il mercato cloud e data center con oltre 100 clienti tra service provider, system integrator, istituzioni, aziende locali e multinazionali, tanto da ottenere, due anni fa, il riconoscimento per il proprio sistema di gestione ambientale, teso a promuovere l’attività aziendale gestita in modo sostenibile. Per questo motivo, è in fase di completamento la costruzione del quarto data center nel paese, Metamorfosis II, per il quale è previsto il completamento e l’entrata in servizio del modulo iniziale all’inizio del prossimo anno. L’infrastruttura sarà uno dei più grandi e avanzati data center “green” a livello continentale.

Negli ultimi due anni la controllata di Telecom ha promosso investimenti per la sostenibilità ambientale in tutti i suoi centri dati nei paesi del Mediterraneo: Italia, Turchia e Grecia tesi a migliorare efficienza, affidabilità e sicurezza in campo energetico.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.