Lo stabilimento Blutec di Termini Imerese verso una svolta tecnologica e “green”

Il piano di Smart city group per trasformare gli impianti già di proprietà Fiat

257

Il progetto di riconversione dell’area Blutec in Sicilia prevede la realizzazione di un sito di sviluppo produttivo e occupazionale in chiave sostenibile, con un’impronta a forte innovazione tecnologica. S.u.d. (Smart utility district), questo il nome del progetto, è stato presentato dal consorzio Smart city group (Scg) partecipato da aziende afferenti tutto il territorio nazionale, il 24 settembre scorso a Palermo. A livello istituzionale i soggetti promotori dell’Accordo di programma sono: la regione Sicilia, il Mise e Invitalia.

Come arrivare a un sito di sviluppo produttivo e occupazionale green

L’idea dell’eco distretto S.u.d. è partita nel maggio scorso con la partecipazione del consorzio alla manifestazione di interesse bandita dalla Procedura di commissione straordinaria; dopo aver superato la fase preliminare di presentazione del progetto, strutturando specificamente i progetti ufficiali che saranno consegnati a ottobre, sono stati avviati i tavoli di lavoro tecnico per adire le varie istituzioni regionali, statali e locali al fine di presentare, analizzare e validare i business plan e i loro effetti sull’occupazione. L’effettiva implementazione di queste attività è sottesa al parere definitivo dei commissari straordinari che si occupano della conversione del sito.

“Il modello industriale che vogliamo realizzare a Termini Imerese – spiega Giancarlo Longhi, presidente del consorzio Smart city group – è un progetto innovativo ed inedito per il nostro Paese, che mira ad un duraturo sviluppo, capace di affrontare con successo qualunque crisi del mercato. È positivo che il numero dei progetti e delle imprese che aderiscono al distretto S.u.d. continui ad aumentare, va però ricordato che il tempo stringe”. Il professor Stefano Rolando, docente presso lo Iulm di Milano e vice presidente del Consorzio, specifica le finalità del progetto: “Accanto ai progetti industriali cominciamo anche a riflettere su un progetto trasversale che impegni proprio il Consorzio nel suo insieme attorno alle conoscenze nel campo della sostenibilità e dell’innovazione, per accogliere bisogni civili e di cultura di impresa del territorio. È presto per entrare nei dettagli, ma se i tempi di aggiudicazione saranno rispettati potrà essere questo uno dei temi di dialogo di approfondimento con le istituzioni territoriali”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.