Le aziende dell’energia italiane nel mondo

575
accordo_aziende
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

Questa settimana le aziende dell’energia italiane nel mondo difendono la loro identità in Svezia e in India

Inizia l’immissione in rete di energia dall’impianto eolico di Brattmyrliden, Svezia, controllato da Falck renewables

L’impianto di proprietà della società Brattmyrliden vind AB, controllata di Falck renewables è composto da 19 turbine Nordex N133 di 199,5 metri di altezza, per una capacità installata totale di 74,1 MW. L’impianto eolico situato nei pressi del villaggio di Trehörningsjö, nel comune di Örnsköldsvik, in Svezia produrrà ogni anno energia pulita a circa 52.700 famiglie, contribuendo alle azioni di Falck renewables per la lotta al cambiamento climatico.
Lo scorso 22 luglio, la multinazionale con sede a Milano ha annunciato la firma di un Corporate power purchase agreement virtuale, della durata di 10 anni, tra Brattmyrliden Vind AB e Ball corporation, che riguarderà circa il 70% dell’elettricità prodotta dall’impianto. Toni Volpe, ad di Falck renewables spa, commenta l’entrata in funzione dell’infrastruttura: “Continua a crescere la nostra presenza nel mercato scandinavo. Con il secondo impianto eolico operativo in Svezia, aumenteremo la produzione di energia verde, contribuendo a creare ulteriore valore condiviso con le persone che vivono intorno all’impianto. Questo avverrà grazie al finanziamento del community benefit scheme di Brattmyrliden, in uno spirito di sviluppo inclusivo e sostenibile, che caratterizza tutte le nostre attività”. Come per il vicino impianto eolico di Åliden, già attivo, Falck renewables prosegue nella condivisione del valore creato con la comunità locale. Parte dei proventi generati dall’impianto sarà destinata alla creazione di un community benefit scheme per la popolazione di Trehörningsjö. L’associazione locale, che gestirà direttamente il fondo, selezionerà, in modo indipendente, i progetti da finanziare.

Le turbine stanno svolgendo la fase finale di testingprima di raggiungere la piena operatività, prevista per la fine del primo trimestre del 2021.

Enel X fa il suo ingresso nel mercato indiano della mobilità elettrica cooperando con Sterling and Wilson

Enel X, la divisione del gruppo Enel dedicata alle soluzioni energetiche avanzate, e Sterling and Wilson pvt ltd (Swpl), azienda del gruppo Shapoorji Pallonji attore indiano dell’Engineering, procurement e construction (Epc), hanno raggiunto un accordo per condividere la promozione dei veicoli elettrici (EV) nel subcontinente indiano. La collaborazione tra le due aziende sfrutterà la competenza tecnologica e l’esperienza maturate dalla multinazionale italiana nella mobilità elettrica e l’esperienza a livello di progettazione, operazioni e implementazione di Swpl per realizzare le infrastrutture di ricarica per gli EV. L’accordo è orientato all’implementazione dello sviluppo nella mobilità elettrica, che è un elemento cruciale nella transizione energetica delle “città intelligenti”. Lo scopo principale nella creazione di infrastrutture di ricarica private e pubbliche e di servizi innovativi è quello di creare nuovo valore economico, sociale e ambientale per tutti: azionisti, consumatori, imprese e pubbliche amministrazioni. Francesco Venturini, ad di Enel, ha dichiarato: “Questa partnership rappresenta un importante passo avanti nella nostra strategia di transizione energetica. Stiamo guidando la diffusione della mobilità elettrica in diversi mercati globali, incluso in Europa e Nord America, e siamo entusiasti di lavorare con Sterling and Wilson, ufficializzando il nostro ingresso nel mercato indiano. L’unione delle forze consentirà ai nostri team di sfruttare la nostra vasta conoscenza dei mercati e grande esperienza tecnica per raggiungere risultati efficaci e compiere importanti passi avanti verso un futuro pulito e sostenibile. Supporteremo la JV introducendo nel mercato soluzioni di mobilità elettrica idonee ai fabbisogni locali, accessibili e convenienti per tutti i driver, contribuendo significativamente alla decarbonizzazione del settore dei trasporti in India e, di conseguenza, nel sud est asiatico”. Nuova Delhi si è unita al trend di elettrificazione globale e, sulla base delle previsioni di Bnef per il 2020, si stima che entro il 2040 passerà all’elettrico il 33% del mercato interno dei veicoli a quattro ruote. Per raggiungere questo obiettivo impegnativo, dal 2019 il governo indiano sta progettando politiche di supporto come la strategia “Faster adoption and manufacturing of electric vehicles” (Fame II fase) e recentemente sta aggiornando le linee guida per l’infrastruttura di ricarica per veicoli elettrici. Sanjay Jadhav, ad di Sterling generators pvt ltd conferma: “Come parte del nostro impegno per la sostenibilità, siamo felici di annunciare il nostro ingresso nel segmento della mobilità elettrica attraverso una joint venture con Enel X, fornendo servizi end-to-end per le stazioni di ricarica dei veicoli elettrici in tutta l’India. L’infrastruttura di ricarica rapida sarà un game-changer per il settore EV nel paese ed è in linea con la visione nazionale per combattere l’inquinamento da combustibili fossili e il cambiamento climatico associato attraverso l’elettrificazione accelerata del trasporto privato e pubblico come leva principale. La JV contribuirà a creare occupazione diretta e indiretta attraverso la produzione locale e i servizi di gestione e manutenzione dell’infrastruttura di ricarica.”.

La formalizzazione dell’accordo tra Enel X e Sterling and Wilson è prevista per il prossimo 1° aprile e inizierà ad operare a partire dal secondo trimestre del 2021.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.