Roma, revocato il Cda Ama

In attesa dei tempi tecnici per la ricostituzione sarà il Collegio sindacale a gestire le attività aziendali della utility

171
Foto di Andrea Marconi

“Per quanto riguarda invece il bilancio di Ama voglio che tutto sia fatto nella legalità e nella trasparenza. Sono certa che l’azienda arriverà alla riformulazione del bilancio in tempi brevi, sbloccando l’impasse che va avanti da troppo tempo”.
Ma l’impasse non si è sbloccato anzi… Non si è riusciti a superare la mancata approvazione del bilancio 2017 e lo scontro sul fondo crediti da 18 milioni di euro.
E’ di oggi l’annuncio che la Sindaca ha firmato un’ordinanza con cui dispone la revoca per giusta causa del Consiglio di amministrazione di Ama Spa.

Il provvedimento “è stato adottato a seguito di una memoria approvata dalla Giunta capitolina che prende atto dei disservizi e del mancato raggiungimento da parte della governance degli obiettivi prefissati“.

In attesa dei tempi tecnici per la ricostituzione del Cda sarà il Collegio sindacale di Ama spa a gestire le attività aziendali.

Se restiamo alle dichiarazioni dell’11 febbraio quando la sindaca Virginia Raggi ha incontrato i sindacati “Ama non rischia il fallimento”, non ci saranno licenziamenti come non ci sono i presupposti né la volontà politica di stipulare un concordato preventivo.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
CONDIVIDI
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.