Interrogazione in Europa per le trivelle di Ravenna

A presentarle Eleonora Evi, co-portavoce nazionale di Europa verde e Silvia Zamboni, consigliera regionale di Europa verde in Emilia Romagna

204

notriv trivelleA Ravenna si trivella ancora ed Europa verde fa sentire la sua voce in Europa chiedendo spiegazioni. A presentarle Eleonora Evi, co-portavoce nazionale di Europa verde in Europa e Silvia Zamboni, consigliera regionale di Europa verde in Emilia Romagna alla propria Regione.

“Lo scorso agosto il Ministero della Transizione ecologica ha emesso un provvedimento di autorizzazione ai lavori di perforazione nel comune di Lugo, nel ravennate. Un provvedimento che ancora una volta viola palesemente gli impegni presi a livello europeo per raggiungere l’ambizioso obiettivo della neutralità climatica al 2050”  hanno commentato in una nota. Un’azione che denuncia la “totale mancanza di ambizione da parte dell’Italia rispetto agli obiettivi tracciati dal Green Deal”.

Mentre in Europa la direzione indicata è quella dell’abbandono delle fonti fossili, l’Italia, in un inconcepibile gioco di contraddizioni tra dichiarazioni di facciata e inspiegabili provvedimenti, resta saldamente ancorata al passato” – concludono Evi e Zamboni.

Le motivazioni dell’interrogazione in Europa e in Emilia Romagna

“Per questo motivo -aggiunge Evi – ho presentato un’interrogazione parlamentare alla Commissione europea, chiedendo di valutare questa autorizzazione ai lavori di perforazione come in netto contrasto con gli obiettivi climatici europei, con gli impegni internazionali previsti dall’Accordo di Parigi, nonché con le evidenze scientifiche espresse nel Sesto rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici. Ho chiesto, inoltre, che la Commissione chieda agli Stati membri la sospensione delle autorizzazioni all’estrazione di combustibili fossili e, di contro, la messa a punto di azioni che accelerino la transizione energetica in favore delle fonti rinnovabili”.

Questa interrogazione fa seguito a quella già depositata da Silvia Zamboni presso la regione Emilia Romagna che, sottolinea la consigliera regionale, “con il Patto per il lavoro e il clima si è impegnata a raggiungere la neutralità climatica prima del 2050 e il 100% di energia da fonti rinnovabili entro il 2035. Un provvedimento, dunque, in palese contraddizione anche a livello regionale, con l’aggravante di aver trascurato i rischi che le trivellazioni presentano in rapporto al fenomeno della subsidenza, come già messo in evidenza in ricerche svolte negli anni ’60″.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.