Alberi
Foto di Peter H da Pixabay

Far riflettere l’opinione pubblica mondiale sull’importanza delle piante e della loro salute per la sicurezza alimentare, per l’approvvigionamento di materie prime, per la biodiversità e per i diversi servizi forniti al pianeta dagli ecosistemi agricoli, forestali, acquatici. E’ l’obiettivo principale dell’iniziativa promossa dall’Assemblea generale delle Nazioni Unite che ha proclamato il 2020 l’Anno internazionale della salute delle piante.

Preservare la salute dei vegetali

Per tutelare la salute dei vegetali, fondamentali per la produzione di cibo e di ossigeno per il pianeta, è necessario promuovere misure volte a evitare che organismi nocivi possano proliferare e diffondersi. Un impegno importante da portare avanti, considerato che oltre l’80 per cento del cibo consumato a livello globale è di origine vegetale. In quest’ottica aumentare la consapevolezza globale su come proteggere le piante può aiutare a contrastare il problema della fame, ridurre la povertà, tutelare l’ambiente e dare impulso allo sviluppo economico.

In questo Anno internazionale e in tutto il Decennio di azione per raggiungere gli Obiettivi di sviluppo sostenibile, destiniamo le risorse necessarie e aumentiamo il nostro impegno per la salute delle piante. Interveniamo per il bene delle persone e del pianeta“, aveva sottolineato a inizio dicembre, in occasione della presentazione dell’iniziativa a Roma, António Guterres, Segretario generale delle Nazioni unite.

Alimenti vegetali, un mercato in crescita

In generale il settore alimenta registra un crescente propensione dei consumatori verso prodotti di origine vegetale. Il mercato dei sostituti della carne dovrebbe raggiungere i 6,6 miliardi di euro entro il 2025, con un tasso di crescita annuo del 7,7%, in base alle previsioni dell’Allied market resource. Una questione che va gestita secondo gli esperti in modo mirato, cercando di evitare di creare un eccessivo sfruttamento delle risorse vegetali.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.