giro d'Italia
Giro d’Italia

Da domani sabato 8 maggio fino al 30, ripartirà il Giro d’Italia 2021 con le sue quattro maglie iconiche, che per l’occasione saranno in filato riciclato prevalentemente da bottiglie di plastica.

Il Giro, che celebra i suoi 90 anni, lo farà con una rinnovata maglia rosa ma dal cuore green, frutto della collaborazione tra il punto di riferimento nell’abbigliamento da ciclismo Castelli, manifattura Valcismon e Sitip. Quest’ultima, realtà produttiva italiana leader nei tessuti indemagliabili, utilizza filati riciclati, eccellenza italiana del tessile tecnico sostenibile, per la sua gamma native. L’azienda sta attenta anche a ridurre l’impiego di sostanze chimiche e preferendo le fonti rinnovabili per la sua produzione.

Certificazioni rigorose su materie prime e produzione Sitip, come il global recycle standard, confermano che sostenibilità e riciclo sono al centro dell’attenzione dell’azienda. La realtà bergamasca vuole continuare su un percorso che ha una visione etica e di salvaguardia dell’ambiente che si concretizza in azioni quali: interventi sui siti produttivi per abbattere le emissioni di CO2 e l’adesione a certificazioni e standard internazionali per una produzione eco-compatibile come Grs, Bluesign, Zdhc, Oeko-tex e attraverso i sistemi Iso 9001-2015 e Iso 14001.

L’azienda inoltre, collabora con altre realtà della filiera, come Alcantara, attraverso il programma carbon neutrality e il progetto di recupero delle plastiche marine promosso da Seaqual.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.