Turismogreen E1517337962208Il turismo è responsabile dell’immissione in atmosfera di circa l’8% delle emissioni globali di gas serra. Un valore che è quattro volte più rilevante di quanto stabilito dalle stime effettuate finora. A dirlo è uno studio realizzato da un team composto da ricercatori dell’Università di Sydney, dell’Università del Queensland e della National Cheng Kung University. Gli studiosi, come si legge sul sito sciencealert, hanno adottato un approccio olistico analizzando l’intera filiera del turismo: trasporto, alloggio, cibo e bevande, souvenir, abbigliamento, cosmetici e altri beni.

Il metodo adottato

Per quantificare le emissioni del settore i ricercatori hanno valutato più di un miliardo di prodotti consumati dai turisti. Il passo successivo è stato quello di combinare un database dettagliato del commercio internazionale con gli account che tracciano i beni e servizi acquistati dai turisti. In sostanza si è cercato di tracciare i flussi di carbonio in 160 paesi nel periodo compreso tra il 2009 il 2013. Dai dati è emerso che le emissioni provocate dal turismo sono aumentate di circa il 15% in quel periodo, passando da 3,9 gigatonnellate di anidride carbonica equivalente (CO₂-e) a 4,5Gt. A determinare questo valore è in particolare la spesa per trasporti, acquisti e cibo.

Previsioni al 2025

Lo studio ha fatto delle previsioni al 2025. Entro quella data, visto il crescente sviluppo del turismo, le emissioni di carbonio legate questo settore potrebbero aumentare a livello globale di circa 6,5 ​​G. 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.
Redazione
Un team di professionisti curioso e attento alle mutazioni economiche e sociali portate dalla sfida climatica.