“Aver stretto una collaborazione così prestigiosa con l’INPS, oltre a essere un onore, rappresenta il riconoscimento più bello che ci sia per il lavoro svolto”. Parole di soddisfazione quelle di Antonio Rainone, Presidente dell’Associazione nazionale tutela energie rinnovabili, intervenuto ieri a Roma durante la conferenza stampa di presentazione della partnership GreenINPS tra ANTER e l’Istituto di previdenza.

“Solitamente le politiche che portano a risparmi energetici implicano aumenti dei costi, mentre quelle che hanno come obiettivo il contenimento dei costi conducono quasi inevitailmente a un aumento del consumo energetico”, ha sottolineato il Presidente dell’Istituto di previdenza Tito Boeri. In questo caso, invece, le misure adottate “portano a risparmi energetici riducendo nel contempo i costi”.

Diverse le iniziative previste, singole o congiunte: l’INPS porterà avanti i processi di conversione all’elettrico del proprio parco auto, dematerializzazione e riduzione e corretto smaltimento di carta e toner delle stampanti.

L’ANTER dal canto suo coinvolgerà i 46.000 alunni delle 20 scuole capitoline che hanno aderito al programma educativo dell’associazione “Il Sole in Classe” nell’iniziativa “L’energia dell’arte” (7-11 maggio): 20 opere inedite di proprietà dell’INPS saranno spiegate in un percorso didattico di approfondimento sulle trasformazioni dettate dalla rivoluzione industriale. Inoltre, l’Associazione lancia con il patrocinio dell’INPS “Salviamo il respiro della Terra, tour e ricerca”, un’indagine sulla qualità dell’aria outdoor e indoor che si trasformerà in incontri divulgativi lungo tutto il Paese (Parma 8 maggio, Salerno 9 maggio e Roma 10 maggio).

Dott. Rainone con quali novità torna “Salviamo il respiro della Terra”, la vostra ricerca diventata tour?

Dott. Caridi in qualità di Responsabile del progetto GreenINPS può descriverci le iniziative sostenibili messe in campo dall’INPS?

Quali risultati avere finora ottenuto?

Iniziative future?

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.