L’acqua è un elemento prezioso che deve essere impiegato nel modo più efficiente possibile evitando sprechi e riducendo al minimo tutte quelle attività che possono minarne la salubrità.

Per far riflettere l’opinione pubblica mondiale sull’importanza di una gestione sostenibile di questa risorsa le Nazioni Unite hanno istituito la Giornata Mondiale dell’Acqua, che ogni anno il 22 marzo fa da cornice a numerose iniziative green. Tra le aziende che hanno accolto l’appello a promuovere un approccio sostenibile all’acqua c’è anche Rio Mare che a ridosso di questa ricorrenza ha reso pubblici i risultati raggiunti su questo fronte.

-7% di consumi idrici

L’azienda ha ridotto i consumi idrici del suo stabilimento produttivo di Cermenate, a Como, del 7% rispetto al 2017. Un valore pari alla quantità di acqua contenuta in 26 piscine olimpioniche.

La Giornata mondiale dell’Acqua ci offre l’occasione per riflettere sui risultati raggiunti e sulle iniziative che Rio Mare porta avanti nell’ambito della sostenibilità – sottolinea in una nota Luciano Pirovano, sustainable development director di Bolton Foodla tutela delle risorse ambientali è, infatti, una responsabilità primaria per l’azienda ed è per questo che ci impegniamo quotidianamente per fare in modo che i nostri processi abbiano il minor impatto possibile sull’ecosistema”.

Fer, efficienza e gestione circolare dei rifiuti

L’impegno a gestire in maniera attenta i consumi di acqua non è la sola iniziativa green promossa dall’azienda. Nello stabilimento di Cermenate il 100% di energia proviene infatti da fonti rinnovabili, in particolare idroelettrica, e il 99% dei rifiuti prodotti viene riciclato. Inoltre, l’azienda ha installato nuove apparecchiature, dotate di sistemi per il contenimento dei consumi termici (economizzatori) ed elettrici (regolatori di velocità dei motori elettrici di tipo inverter).

Riduzione delle emissioni

Rio Mare ha ridotto le emissioni di gas serra sia negli stabilimenti sia negli uffici. Nel triennio 2014-2017 si è registrata una riduzione complessiva del 20%, passando da 42.447,14 a 34.129,40 tonnellate di CO2.

Packaging

Gli interventi dell’azienda hanno riguardato anche il packaging. Negli ultimi due anni sono stati risparmiati complessivamente circa 290 tonnellate di alluminio e banda stagnata, pari al peso di circa 240 utilitarie. Inoltre, l’81% di carta e cartone utilizzato per le confezioni proviene da materia prima riciclata.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.