position paperLa mancanza di una più decisa volontà politica nel definire obiettivi e strategie sull’efficienza energetica. La revisione complessiva del Conto Termico. La realizzazione di una cabina di regia in capo alla Presidenza del Consiglio per la predisposizione di un programma annuale di interventi di riqualificazione energetica degli edifici di proprietà della P.A.

Sono alcune delle critiche e dei suggerimenti inseriti nel position paper che AiCARR ha dedicato allo schema di Decreto legislativo di attuazione della Direttiva 2012/27/UE sull’efficienza energetica (approvato in Consiglio dei ministri lo scorso 4 aprile e inviato al Senato).

Il nuovo position paper di AiCARR, fa sapere l’associazione, è già stato portato nei giorni scorsi dal presidente Livio de Santoli in Parlamento durante un incontro con le forze politiche e sarà ufficialmente presentato il prossimo 6 maggio in audizione alla Commissione Industria del Senato.

In generale, “il decreto di recepimento italiano prevede un programma per rendere più efficiente il patrimonio edilizio pubblico, impone lo strumento della diagnosi energetica sia per le grandi aziende sia per quelle energivore, istituisce un fondo per l’efficienza energetica riallocando quanto già previsto per il Teleriscaldamento dal Dlgs 28/2011 e stabilisce che l’Autorità dell’Energia avrà il compito di intervenire sia sulle tariffe elettriche sia sul mercato elettrico. A fronte di una serie di elementi positivi contenuti nello schema di decreto legislativo, AiCARR, nel suo documento, ne sottolinea le criticità e suggerisce alcune modifiche”.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.