Il programma Mini -Holland, promosso dalla città di Londra per favorire una mobilità sostenibile a piedi e in bicicletta nelle zone periferiche della città, ha registrato risultati positivi. A dirlo, come scrive il Guardian, uno studio coordinato dalla dottoressa Rachel Aldred della Westminster University, che ha analizzato l’impatto dell’iniziativa mostrando come i cittadini usino di più la bici e si muovano di più a piedi.

Più cittadini in bici e a piedi

Il valore è in particolare 41 minuti in più a settimana rispetto agli abitanti di altre zone periferiche dove il programma non è stato introdotto. La ricerca, pubblicata sulla rivista Transportation Research, ha studiato i modelli di viaggio  di 1.700 persone in tre aree Waltham Forest, Enfield e Kingston (dove si applica il modello mini-holland) e in vari altri quartieri periferici di Londra non interessati da questi cambiamenti mostrando come i risultati positivi siano legati specificamente alle novità della progetto.

Uso delle auto non è diminuito

Dall’analisi è emerso inoltre come l’uso delle auto nella zona non sia diminuito, ma ci siano stati atteggiamenti pubblici più virtuosi nei confronti del ciclismo. Non c’è stata una riduzione significativa nell’uso complessivo dell’auto nelle aree mini-Holland rispetto ad altre zone. Tuttavia, quelli nei quartieri che hanno sperimentato il nuovo schema, hanno mostrato un cambiamento verso atteggiamenti pubblici più positivi verso il ciclismo. Ciò era dovuto al fatto che i residenti in questione avevano una maggiore opportunità di scegliere l’opzione bici rispetto ai cittadini di altre zone della città. 

Ciclismo e cammino a confronto

Dai dati emerge inoltre come in valore assoluto il tempo medio dedicato a camminare era superiore rispetto al ciclismo: 32 minuti contro nove minuti. Tuttavia la situazione si ribaltava se si analizzavano gli aumenti percentuali: il cammino ha subito un incremento del 13% mentre il ciclismo del 18%.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.