Il mercato globale delle emissioni di CO2 ha segnato numeri da record nel 2018. Si è infatti verificato un aumento del 250% che ha portato a un valore totale di 144 miliardi di euro.  E’ quanto viene evidenziato da una relazione degli analisti di Refinitiv, divisione Financial and Risk di Thomson Reuters.

Costo triplicato

A contribuire a questo dato complessivo è stato il forte trend di crescita sul prezzo della CO2 registrato in ambito ETS (Emissions Trading System). Nello specifico, come si legge sulla Reuters, nel 2018  il valore è aumentato arrivando a triplicare quello registrato nell’anno precedente. Si è passati dal valore di 8 euro a tonnellata a circa 25 euro a tonnellata.

Per il 2019 non si prevede una crescita simile

Consideriamo il 2018 come un elemento anomalo per quanto riguarda l’aumento dei prezzi in un solo anno e non prevediamo una ripetizione di un percorso così ripido nel 2019“, spiega in un articolo sul sito della Reuters, Anders Nordeng, analista senior di carbonio presso Refinitiv.

Nel 2018 + 45% di permessi a livello globale

Un altro elemento da considerare per comprendere lo scenario verificatosi nell’ultimo anno è l’aumento del numero di permessi scambiati a livello globale. Nel 2018 il valore si è attestato a 9 miliardi. La crescita rispetto al 2017 è stata del 45%.

Europa rappresenta il 90% dei permessi scambiati

Dall’analisi emerge inoltre come il mercato europeo costituisca circa il 90% dei permessi scambiati a livello mondiale, mentre i mercati emergenti come come Cina o Corea del sud registrino numeri ancora limitati.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.