climathon
Credit immagine Facebook

L’Italia aderisce alla manifestazione Climathon e i numeri sono da record. Il nostro Paese è a livello mondiale quello con più città (ben 17) partecipanti.  Questi centri urbani potranno ospitare il prossimo 27 ottobre la ‘maratona’ di 24 ore per trovare soluzioni che rendano le città sempre più ‘green’ promossa da Climate-KIC, partenariato europeo per la lotta ai cambiamenti climatici e la sostenibilità. All’iniziativa potranno aderire, previa iscrizione entro il 15 ottobre,  imprenditori, ricercatori, innovatori e studenti.

Per ogni città un tema diverso

Ogni città che ha aderito all’evento ha scelto un tema specifico, affrontato da esperti e stakeholder che guideranno i candidati nell’elaborazione dei progetti finali. Se a Milano i partecipanti dovranno cimentarsi con il tema ‘energia per una città sostenibile’, a Lecce invece il focus sarà ‘Mare e centro città’.  A Venezia, infine, solo per citare un altro dei tanti esempi, gli innovatori dovranno mostrare la modalità più efficace con cui l’arte può raccontare l’impatto devastante del cambiamento climatico sul nostro pianeta.

Tra dati satellitari, IoT ed efficienza

Il contributo della tecnologia alla lotta ai cambiamenti climatici è un altro dei temi delineati nell’ambito del progetto. A Bologna in particolare – che è sede italiana di Climate-KIC – si parlerà dell’utilizzo dati satellitari di Copernicus (European Programme for the establishment of a European capacity for Earth Observation)  per lo sviluppo di reti verdi in città.  L’uso dell’IoT a servizio della resilienza ambientale delle città sarà l’argomento su cui dovranno misurarsi i partecipanti a Torino.

Ad Assago (MIlano) – solo per fare qualche altro esempio – si parlerà invece di spazi verdi urbani, ad Alessandria di efficienza energetica e sostenibilità mentre a Ferrara il tema sarà la mobilità siostenibile.

A livello globale la manifestazione sarà ospitata in oltre 240 città di 70 diversi Paesi.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.