Fukushima, le modalità di rilevamento del report sono oggettive

La precisazione di Giuseppe Onufrio, Direttore Esecutivo dell'Associazione in Italia

525

Fukushima, il report di Greenpeace sulle radiazioni ancora troppo alte affinché i cittadini giapponesi possano rientrare serenamente nelle proprie case, segue un sistema di rilevazione inattaccabile.

Lo sottolinea a Canale Energia Giuseppe Onufrio, Direttore Esecutivo di Greenpeace Italia. Le modalità di rilevamento del report “sono infatti opportunamente riportate: l’attrezzatura è il Georadis RT30 NaI dell’azienda Atmotex. Per ogni misura sono stati effettuati oltre un migliaio di conteggi e dunque diverse migliaia per singola casa analizzata. La sensibilità strumentale dell’attrezzatura impiegata è stata di 2.000 cps per microSv/h“.

Le indicazioni sulla strumentazione sono presenti nel rapporto “Reflections in Fukushima: The Fukushima Daiichi Accident Seven Years On” (pag. 9) dove si descrive l’attività di misura a cura degli esperti di radioprotezione.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.