Monitorare i dati in tempo reale sfruttando le informazioni raccolte in chiave predittiva. È questo l’elemento chiave dell’approccio alla filiera dell’acqua potabile che ha caratterizzato Gruppo CAP nell’implementazione del Water Safety Plan, il Piano di Sicurezza dell’Acqua incentrato sulla garanzia e sulla salubrità di questa risorsa indispensabile per l’uomo. Il piano, presto obbligatorio in tutti gli Stati UE, è stato adottato dall’utility per la prima volta in Italia a marzo del 2017 in collaborazione con l’Istituto Superiore di Sanità. A circa un anno di distanza, l’azienda punta a estenderlo entro il 2020 in tutti i Comuni dell’hinterland milanese. 

Un percorso virtuoso

Questo percorso virtuoso, volto a rendere più smart e resiliente l’infrastruttura dell’acqua potabile attraverso l’aumento di controlli e prelievi nell’intera filiera, è ora raccontato da Gruppo CAP nel libro “L’acqua del rubinetto. Water Safety Plan: innovazione e sicurezza” di cui è curatore Alessandro Russo, Presidente e AD dell’azienda. Il testoedito da Guerini Editore, intende orientare le altre aziende nel percorso di implementazione del Water Safety Plan attraverso una serie di contributi di personalità autorevoli nel settore idrico e della public policy. Presentazione Libro Gruppo CAP 1024x768Una di queste è Luca Lucentini, Direttore reparto Acque dell’Istituto Superiore di Sanità che, in occasione della presentazione del volume tenutasi ieri a Milano, ha sottolineato come il piano effettui “un’analisi rigorosa, ma nello stesso tempo semplificata, partendo dalla complessità di informazioni a disposizione del comparto con l’obiettivo di sistematizzare una serie di misure di controllo, molte delle quali già in atto”. L’obiettivo è in sostanza quello di verificare che sia messa in atto una gestione efficace dei dati in chiave predittiva e che si adotti una visione di lungo periodo finalizzata a promuovere “la sicurezza dell’acqua potabile”.

In occasione della presentazione del libro abbiamo intervistato il Presidente e AD di Gruppo CAP Alessandro Russo, che ha approfondito ai nostri microfoni il “cambio di paradigma” legato all’adozione del Water Safety Plan.

Quali sono gli elementi chiave e gli obiettivi legati alla pubblicazione del libro?

Quali sono stati gli step che avete seguito nell’implementazione del Water Safety Plan?

 

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.