Acqua, 1 litro di idrocarburi inquina l’equivalente di una piscina olimpica

361

Un litro di idrocarburi contamina 1.000 m3 d’acqua (l’equivalente a una piscina olimpionica) o 400 m2 di terreno (come un campo di calcio). Sono i dati diffusi da Istobal, l’impresa spagnola specializzata in soluzioni di lavaggio e cura per l’industria automobilistica, che, in occasione della Giornata Mondiale dell’Acqua, ha sottolineato “l’importanza di evitare l’uso e lo scarico di acqua non trattata” nell’ambito degli utilizzi legati a questo comparto. 

La questione delle acque reflue 

In particolare, in merito alla questione delle acque reflue, l’azienda, come si legge in nota, raccomandando “l’uso di separatori di idrocarburi, dosaggi adeguati di prodotto chimico, e l’impiego di degradatori di detergenti”.

L’impegno dell’azienda per una gestione smart dell’acqua 

L’impegno di Istobal per una gestione consapevole della risorsa idrica si traduce in una riduzione del 94% della presenza di idrocarburi nell’acqua risultante dal processo di lavaggio grazie alle sue tecnologie di separazione e ritenzione. In particolare, come si legge nella nota, “la compagnia è riuscita a diminuire di un 45% il consumo dell’acqua nei suoi impianti automatici di lavaggio industriale, superando la fase di lavaggio più critica per il consumo dell’acqua aumentandone la pressione”. 

Oltre a questo il gruppo ha diminuito “del 33% il consumo dell’acqua nelle sue piste di lavaggio, con un funzionamento a bassa pressione e bassa portata in determinati programmi”. L’azienda può avvalersi anche di particolari sistemi di riciclaggio grazie ai quali riesce a riutilizzare fino a un 85% dell’acqua impiegata in ciascun lavaggio.

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti riservati. E' vietata la diffusione
e riproduzione totale o parziale in qualunque formato degli articoli presenti sul sito.