Mobilità elettrica: le soluzioni più “curiose”

160

Sono tanti, oggi, i dispositivi presenti sul mercato che favoriscono uno stile di vita più attivo e rispettoso dell’ambiente. Con Alessio Griffini, Titolare di AGTRONIK, la milanese produttrice di mezzi elettrici, ne scopriamo alcuni tra i più recenti e curiosi.

Quali sono le opzioni disponibili sul mercato per chi sceglie di “convertirsi” alle due ruote elettriche?

Il kit si chiama ” ADD-E” ed è al momento il kit con il rapporto peso/potenza migliore sul mercato. Infatti il tutto pesa circa 2kg, batteria inclusa, grazie ai materiali di pregio utilizzati (carbonio e alluminio ad esempio). Peso molto ridotto rispetto ai normali 25kg di media di una bici elettrica a pedalata assistita.
Il grande vantaggio di questo kit è che è applicabile a qualsiasi tipo di bici grazie agli attacchi installabili su ogni modello esistente. Inoltre, è completamente waterproof e il blocco motore e batteria possono essere smontati e rimontati su un’ altra bicicletta (dotata dei soli attacchi) in pochissimo tempo (meno di 30 secondi). Il sistema garantisce un’ autonomia di 50km con 250W di potenza. Accanto a questa novità, ci sono gli e-Scooter, i monopattini elettrici e le balance board, l’ articolo del momento.

Qual è il vostro target di riferimento? E le aree di maggior richiesta di mercato?
In riferimento agli anni, diciamo che è abbastanza ampio: si va dai 5/6 fino agli oltre 70/75, uomini per lo più.Trattiamo soprattutto con privati, anche se cresce l’interesse delle aziende attirate dall’enorme comodità e dal risparmio in termini economici. Come aree di mercato sono davvero ampie: sceglie questo mezzo chi deve spostarsi per lavoro, chi per tempo libero, chi per comodità nei brevi spostamenti urbani con molto traffico, i camperisti, etc.

Avete richieste anche all’estero?
Si, stiamo trattando con un’ azienda per una fornitura di monopattini elettrici in Svizzera.

Noleggiate anche mezzi elettrici?
Al momento no, o meglio: noi forniamo i mezzi eventualmente alla società che poi li darà a noleggio.

Svolgete anche un’attività di informazione e formazione verso i vostri acquirenti?
Al momento utilizziamo canali social, ma in futuro chissà. Di certo c’è che questi mezzi sono l’ inizio della rivoluzione in fatto di mobilità “green”. Purtroppo la conoscenza è ancora poco diffusa: c’è molta curiosità, ma anche altrettanto scetticismo. Il problema di fondo è dato dall’ autonomia, anche se, facendo due calcoli, si capisce che è possibile gestire questa unica “pecca” e che gli altri sono solo vantaggi: ad esempio, la riduzione in maniera esorbitante dei costi di gestione e di uso. Parliamo di 0,45cent di corrente per una media di percorrenza di quasi 100km. Direi niente male…

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Ivonne Carpinelli
Giornalista con la passione per l'ambiente e l'energia lavoro con Gruppo Italia Energia dal 2014. Mi occupo anche di mobilità dolce e alternativa, nuove costruzioni, economia circolare, arte e moda sostenibile. Esperta nella gestione dei social network e nel montaggio video non esco mai senza penna, taccuino e... smartphone.