Produrre la magnesite in laboratorio su scala industriale per immagazzinare CO2 e contrastare così il fenomeno dell’inquinamento atmosferico. E’ questa la soluzione, attualmente ancora in fase iniziale di sperimentazione, proposta da un gruppo di ricercatori della Trent University del Canada che, come si legge sul sito francese Sciencepost, è riuscito a produrre il minerale attraverso un processo artificiale, a temperatura ambiente.

Breve processo di formazione

“In primo luogo, abbiamo spiegato come e quanto velocemente si forma naturalmente la magnesite”, ha spiegato uno degli scienziati del team in occasione del suo intervento alla conferenza GoldSchmidt 2018 di Boston, dedicata al settore della chimica. “È un processo che impiega centinaia o migliaia di anni in natura”, ha aggiunto il ricercatore. 

Cos’è la magnesite

Ma cosa’è la magnesite? Si tratta di un tipo di carbonato di magnesio frutto dalla combinazione tra magnesio e acido carbonico.

Print Friendly, PDF & Email