Elettricità dal metano grazie a batteri sintetici

122

Riscrivere il dna dei batteri al computer per creare microorganismi sintetici non presenti in natura in grado di convertire il metano in elettricità. E’ quello che è riuscito a realizzare il team di scienziati coinvolti in una ricerca internazionale coordinata dalla Pennsylvania State University e pubblicata sulla Rivista Nature Communications. 

Come agiscono questi batteri 

L’idea è quella di sfruttare questi microorganismi per convertire il metano in maniera diretta, un processo che riescono a compiere organismi presenti nel fondo degli Oceani, difficili da coltivare in laboratorio. In particolare questi batteri sintetici sono in grado di produrre acetato, oltre a elettroni e a un enzima capace di catturare elettroni. 

Dai batteri alle celle a combustibile 

Per produrre elettricita’ questi batteri agiscono in maniera complementare con un tipo di batteri –  modificati anche loro dagli scienziati – operanti all’interno egli impianti per lo smaltimento dei rifiuti. In altre parole si viene a creare una cella a combustibile high tech dove gli elettroni viaggiano dai batteri che elaborano il metano a quelli usati nel ciclo dei rifiuti per poi raggiungere un elettrodo producendo elettricità. Attualmente le performance sono minime, ma gli scienziati hanno comunque inaugurato un nuovo filone di ricerca. 

Print Friendly, PDF & Email