Economia circolare, il progetto Smart-Plant per la gestione dei depuratori urbani

216

Azione di innovazione in Horizon 2020, il progetto Smart-Plant a coordinamento italiano vede 25 partner (18 aziende e 7 università o enti di ricerca) coinvolti nella gestione dei depuratori urbani. Punto di forza del progetto: l’ottimizzazione degli impianti esistenti e il recupero di risorse (come cellulosa,biopolimeri, fertilizzanti e acqua) e la successiva produzione di beni di consumo, tra cui biocompositi per l’edilizia. Ne parliamo con il Coordinatore Francesco Fatone dell’Università di Verona incontrato in occasione della XXI Iupac Chemrawn Conferenze, svoltasi a Roma dal 6 all’8 aprile.

Quali sono le attività previste dal progetto?

Qual è la call cui avete risposto e a quanto ammonta il fondo a disposizione?

Quali sono stati i punti di forza del progetto?

 

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Ivonne Carpinelli

Giornalista con la passione per l’ambiente e l’energia lavoro con Gruppo Italia Energia dal 2014. Mi occupo di mobilità dolce e alternativa, nuove costruzioni, economia circolare, arte e moda sostenibile. Esperta nella gestione dei social network e nel montaggio video non esco mai senza penna, taccuino e… smartphone.