Res Novae, primi segnali da una Smart City

77

Sviluppare una smart city significa anche analizzare i flussi energetici di una città. Questo l’obiettivo di Res Novae piattaforma che integra diverse tecnologie all’avanguardia in campo energetico e informatico, con l’obiettivo di razionalizzare i consumi e potenziare l’utilizzo delle fonti rinnovabili, realizzando una rete elettrica al massimo dell’efficienza energetica e operativa. Una iniziativa che oltre ad accrescere la consapevolezza ambientale vuole diffondere la cultura dell’efficienza a PA e cittadini.

Il progetto, che vede come città campione Bari e Cosenza,  cofinanziato dal Miur e dall’Unione Europea, vede coinvolti partner imprenditoriali e centri universitari e di ricerca.

Ibm, player industriale del progetto, ci illustra lo strumento pensato a supporto dell’energy manager di un comune per poter svolgere analisi energetiche del comune.

http://www.youtube.com/watch?v=pMwLHuFihtk

Res Novae prevede inoltre la sperimentazione degli smart object e di tecnologie e funzionalità innovative per una migliore gestione dei flussi e dei consumi energetici degli appartamenti ed edifici, offrendo servizi alle municipalizzate e ai cittadini, con demo e formazione e tecnologie innovative.

L‘esperienza di Enel con “Smart Info” descritta da Domenico Bufi project manager di Res Novae.

http://www.youtube.com/watch?v=hiYv-NClbdQ

I dati engno poi analizzati anch in un ottica di insieme per valutare nel complesso il trend dei flussi di una città Questo è stato possibile grazie ad un urban contro center disponibile anche via app ai cittadini, i dettagli da IBM

Print Friendly, PDF & Email
CONDIVIDI
Agnese Cecchini
Giornalista, video maker, sviluppo format su più mezzi (se in contemporanea meglio). Si occupa di energia dal 2009, mantenendo sempre vivi i suoi interessi che navigano tra cinema, fotografia, marketing, viaggi e... buona cucina. Direttore di Canale Energia; e7, il settimanale di QE e direttore editoriale del Gruppo Italia Energia.