Favorire la diffusione a San Marino di veicoli a basso impatto ambientale e la progressiva installazione d’infrastrutture di ricarica. E’ questo l’obiettivo principale del nuovo progetto E-Way, promosso da AASS (Azienda Autonoma di Stato per i Servizi Pubblici). Nell’ambito dell’iniziativa, presentata durante una conferenza stampa ieri, si arriverà ad installare sul territorio 22 colonnine di ricarica per veicoli elettrici e 6 postazioni dedicate alla ricarica di biciclette elettriche. 

 

Colonnine connesse via fibra alla rete internet

A fornire le colonnine, che potranno essere monitorate grazie a una connessione via fibra alla rete internet, sarà Sonepar Italia. Il controllo avverrà in particolare tramite la piattaforma Web ZapGrid, sviluppata dall’azienda insieme a GMT.

Dati su tempi e costi di ricarica

Grazie a questa soluzione sarà possibile gestire in modo efficiente e smart tempi ed eventuali costi di ricarica, visionare tutte le ricariche eseguite, nonché gestire segnali di anomalia e allarmi.

L’app ZapGrid

il progetto prevede inoltre la creazione di un’app gratuita per IOS e Android per la gestione delle colonnine. In particolare sarà possibile effettuare la geolocalizzazione delle strutture di ricarica e la visualizzazione della loro disponibilità, ma anche valutare il tempo di ricarica, avviare la ricarica, monitorandone tutti i dati e visualizzare i report al termine dell’operazione.

Un progetto innovativo

Si tratta di ‘uno sforzo importante dell’AASS per recuperare terreno nel campo della mobilità elettrica – sottolinea in una nota il Presidente dell’AASS Federico Crescentini San Marino diventa da oggi un punto di riferimento per i veicoli elettrici con un progetto innovativo che sarà progressivamente implementato. E-Way è il nome e immagine del progetto che abbiamo voluto innovativo”.

Normativa per incentivi fiscali

“La Repubblica di San Marino – spiega in nota il Segretario di Stato per le Finanze, il Bilancio e i Trasporti, Simone Celli – si è dotata di una specifica normativa che prevede l’introduzione di significativi incentivi fiscali per promuovere l’acquisto di autovetture a propulsione elettrica o a idrogeno. L’obiettivo di costruire un modello di sviluppo sostenibile ed ecocompatibile passa anche dall’individuazione di nuove forme di mobilità a basso impatto ambientale”.

Print Friendly, PDF & Email