roma-banda-ultralarga
Banda ultra larga a Roma

Un investimento complessivo di 375 mln di euro. È la somma che ACEA e Open Fiber destineranno alla realizzazione della rete in fibra ottica che, entro i prossimi 5 anni, porterà una connessione ultraveloce di 1 Gigabit al secondo in 1,2 mln di unità immobiliari. Il progetto darà lavoro in media a 1.000 persone, con punte di 1.500 addetti.

Sono i numeri dell’intesa siglata oggi tra l’AD di ACEA Stefano Donnarumma e l’AD di Open Fiber Elisabetta Ripa, a seguito del Memorandum of Understanding dello scorso agosto, con cui la multiuility romana si impegna a rendere dispoonibili a Open Fiber le proprie infrastrutture per la posa della fibra ottica così da minimizzare il disagio per i lavori in città.

L’accordo Acea-Open Fiber

Circa 350 mln di euro saranno forniti da Open Fiber, gli altri 25 mln, già previsti nel piano industriale 2018-2022, arriveranno da ACEA. Soddisfatto Donnarumma che in nota ha evidenziato l’attenzione della multiutility all’innovazione tecnologica, “non ci faremo trovare impreparati”. Questa iniziativa contribuirà a condurre “la città di Roma verso la realizzazione concreta della cosiddetta Smart City”. Difatti, ACEA punta a introdurre tecnologie IoT di ultima generazione sulle proprie infrastrutture: sistemi di automazione avanzata e comunicazione posti su cabine secondarie o sulle fonti luminose stradali potranno rendere più efficiente la gestione delle reti e verificarne lo stato in real time. Proprio alla gestione delle reti destinerà 200 mln di capex, previsti nel Piano Industriale.

I servizi

Ad essere abilitati molteplici servizi nei settori: cultura, sanità, sociale, sviluppo delle imprese e della PA, e idriche. Le imprese suddivideranno la città in aree distinte e procederanno con gli interventi sia sulla rete elettrica sia su quella di telecomunicazione.

Una tecnologia, quella Fiber To The Home (fibra fino a casa), che Open Fiber vuole portare in tutta Italia, come si legge in nota, per favorire il recupero di competitività del Sistema Paese e, in particolare, l’evoluzione verso l’Industria 4.0. Protagonista in 271 città italiane nello sviluppo di una rete in fibra ottica in modalità FTTH, con questo progetto l’azienda completerà “le attività che stiamo lanciando in tutto il Lazio, anche sulla base dei dati Infratel, e ciò porterà l’intero territorio regionale a un livello di connettività molto elevato”, ha sottolineato in nota la Ripa.

Nel 2018 una newco tra le due società

È prevista per quest’anno la fondazione di una società a capitale misto in cui Acea sarà l’azionista di maggioranza. L’obiettivo: implementare nuovi servizi a valore aggiunto per i cittadini in ottica di Smart City.

Print Friendly, PDF & Email